14 Escursioni ideali da fare nel ponte del 25 Aprile | Trekking.it

14 Escursioni ideali da fare nel ponte del 25 Aprile

Categorie: Italia, Reportage
0

Un weekend lungo è l’occasione perfetta per organizzare delle gite nella natura

Abbiamo selezionato alcuni degli itinerari più belli d’Italia, partendo dal Trentino Alto Adige fino ad arrivare alla Sicilia, ideali da percorrere in questo periodo dell’anno, quando la primavera cammina spedita verso l’inizio dell’estate. Il sole si fa sempre più vigoroso donandoci un clima mite e piacevole, ideale per concedersi una sosta dai ritmi frenetici del quotidiano a favore di una bella camminata in mezzo alla natura.

Il Nord: Liguria, Piemonte, Lombardia, Trentino, Emilia Romagna

La Liguria offre scorci spettacolari e unici tra la montagna e il mare, un vero paradiso per l’escursionista che desidera immergersi nei profumi e nei colori del mediterraneo. Vi proponiamo un luogo magico per provare l’emozione di camminare sospesi sul mare: le Cinque Terre (ITINERARIO – Il Sentiero Azzurro delle Cinque Terre), forse il più noto dei territori liguri nel mondo e dichiarato Patrimonio dell’Umanità: i cinque antichi borghi di Monterosso, Corniglia, Vernazza, Manarola e Riomaggiore si succedono lungo 18 chilometri di scogliera a picco sul mare, un ambiente difficile sul quale l’uomo è riuscito a costruire piccoli gioielli di case color pastello che danno vita a centri storici caratteristici.

Ci spostiamo in Piemonte, terra dalle mille sfaccettature che si presta bene a praticare trekking in ambienti molto diversi. Tra i tanti possibili ve ne proponiamo uno nelle sinuose colline delle Langhe (ITINERARIO – In Cammino nelle Langhe), terra di infinite suggestioni enogastronomiche e letterarie, e un altro da Arona a Pella (ITINERARIO – Dal Lago Maggiore al Lago D’Orta), un itinerario che unisce il Lago Maggiore al Lago d’Orta, punteggiato di santuari, chiese e castelli medievali, con vista rilassante sui laghi.

Di lago in lago ci spostiamo in Lombardia: l’acqua questa volta è quella del Lario, da sempre crocevia di culture, popoli e tradizioni. Il Sentiero del Viandante (ITINERARIO – Il Sentiero del Viandante) che vi proponiamo offre la possibilità di fare un viaggio nel tempo e nelle tradizioni dello spirito lagheé, da scoprire tra le montagne a picco sul lago e trai tavoli di un’osteria assaggiando la pulenta e misultin. 

Ancora acque, questa volta irruenti, in Trentino: sono quelle che hanno scavato il canyon di Gorzana (ITINERARIO – Il Canyon di Gorzana), un itinerario inusuale alla scoperta del Rio Sass e del Lago Smeraldo che evocano un piccolo paradiso nascosto che non vi deluderà.

L'ampio panorama su Corniglia e Punta Mesca dal sentiero presso Volastra (Ph Enrico Bottino)

L’ampio panorama su Corniglia e Punta Mesca dal sentiero presso Volastra (Ph Enrico Bottino)

Il Centro: Emilia Romagna, Toscana e Abruzzo

Storia, natura, cultura: la Pietra di Bismantova (ITINERARIO – La Pietra di Bismantova), destinazione dell’itinerario che vi proponiamo in Emilia Romagna, si erge all’orizzonte sull’Appennino reggiano ed è una montagna unica, meta di camminatori e di suggestioni per i viaggiatori di ogni tempo, citata da Dante nel IV Canto del Purgatorio. Le suggestioni certo non  mancano neppure in Toscana.

Per chi vuole immergersi nel panorama classico delle colline a perdita d’occhio punteggiate da casali, fortezze e abbazie vi proponiamo un itinerario nella magia della Valdelsa (ITINERARIO – Valdelsa, lungo le orme di Sigerico).

Per chi invece vuole conoscere l’anima mediterranea della regione ecco un itinerario (ITINERARIO – Da Punta Ala a Follonica) che parte da Punta Ala e arriva fino a Follonica passando per Cala Violina, Cala Martina e Cala Francese, le più belle del Golfo di Follonica, con spiagge selvagge e acqua cristallina.

Per chi oltre a vivere il piacere di un trekking vuole anche ripercorrere la storia e l’epopea della Liberazione ci spostiamo in Abruzzo: il Sentiero della Libertà (ITINERARIO – Il Sentiero della Libertà) segue in 3 tappe, per una lunghezza complessiva di 60 km, il percorso compiuto dai prigionieri angloamericani e dai partigiani dopo l’armistizio del 1943: un viaggio nella storia con vista imperdibile sulla Majella.

La Majella un'area dagli ambienti selvaggi ed incontaminati che in primavera rinascono

La Majella un’area dagli ambienti selvaggi ed incontaminati che in primavera rinascono

Sud: Campania, Puglia, Calabria e Sicilia

Giardini sospesi, profumi e colori mediterranei sono il regalo di Capri ai viaggiatori di tutti i tempi. In questo itinerario (ITINERARIO – Capri, i giardini sospesi nel vuoto) vi proponiamo un trekking alla scoperta di questa piccola isola, tra musei, vicoli e piccole piazze. Ancora sud, ancora colori e profumi.

I colori sono il bianco dei trulli e il verde degli olivi, in questo trekking (ITINERARIO – Trekking tra i trulli) in Puglia tra frantoi, masserie, uliveti e vigneti.

Un itinerario più avventuroso è invece quello che vi proponiamo nell’ambiente selvaggio dell’Aspromonte, in Calabria, tra Bova e Roghudi (ITINERARIO – Aspromonte, da Bova a Roghudi), tra torrenti impetuosi e borghi aggrappati alle rocce, a memoria dell’antica funzione difensiva antisaracena.

Attraversiamo lo stretto e vi proponiamo l’ultimo itinerario tra i colori e profumi della Sicilia, nella Riserva dello Zingaro (ITINERARIO – La Riserva dello Zingaro), un paesaggio di rara e aspra bellezza tra bellissime insenature, un angolo di paradiso da percorrere a piedi.

Vista sul mare blu di Capri

Vista sul mare blu di Capri

Buon ponte del 25 Aprile e buon cammino!

 

 

Potrebbe interessarti anche:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: