Escursioni autunno e inverno: consigli per scegliere gli scarponi

18 marzo 2020 - 16:33

L’importanza della scelta dello scarpone per la sicurezza e il comfort delle nostre escursioni invernali

Nella nostra rubrica dedicata ai consigli tecnici ci siamo già soffermati sulle caratteristiche che devono guidare la scelta degli scarponi in generale.

→  Come scegliere gli scarponi da trekking

Vediamo ora quali sono le peculiarità più importanti per le calzature da utilizzare nella stagione autunnale e invernale.

Se d’estate le qualità essenziali sono traspirabilità e leggerezza, nei mesi della pioggia e della neve impermeabilità e isolamento termico devono diventare le prime cose di cui tener conto. Ovviamente questo non significa che dobbiamo metterci ai piedi due plinti di cemento armato!

Anzi, potete star certi che una buona capacità di traspirazione contribuisce notevolmente a mantenere un clima confortevole attorno al piede e che la leggerezza della scarpa costituisce una dote sempre apprezzata, in tutte e quattro le stagioni!

Ovviamente queste due caratteristiche devono però venire a patti con le esigenze imposte da climi più rigidi e condizioni del terreno più difficili.

Per prima cosa, quindi, bisogna scegliere scarpe alte, alla caviglia.

Questo sia per riparare maggiormente il piede dal contatto diretto con acqua e neve, sia per dare maggior sostegno su terreni che possono essere resi più impegnativi dalle condizioni climatiche.

Fino a che non si praticano trekking particolarmente impegnativi o itinerari innevati, uno scarponcino alto, con tomaia in tessuto, purché protetta da membrane impermeabili (tipo Gore-Tex), può rappresentare un ottimo compromesso fra leggerezza, protezione, traspirabilità e impermeabilità.

Quando però si tratta di avere a che fare con il vero e proprio terreno invernale (un’escursione sulla neve o una ciaspolata), bisogna necessariamente ricorrere all’artiglieria pesante…

Insomma, bisogna passare allo scarpone vero e proprio, quello che, quando lo metti ai piedi, capisci che c’è!

Sul mercato c’è un po’ di tutto e, se ci si affida alle aziende di settore, spesso di buona qualità.

Si può andare sul classico scarpone in pelle impermeabilizzata oppure optare per modelli più tecnologici, che combinano pelle, tessuti e membrane di diverso tipo.

Elemento fondamentale è la suola, che deve presentare l’aderenza e le “scolpiture” adeguate ad offrire la migliore stabilità anche su terreni tendenzialmente scivolosi e instabili come le pietre bagnate, il fango o la neve.

Come scegliere lo scarpone con la suola giusta

Un ruolo importantissimo lo giocano anche gli strati intermedi fra la suola e il piede, che, nel caso dello scarpone invernale, oltre all’usuale funzione di ammortizzazione dell’impatto con il suolo, devono garantire un elevato grado di isolamento termico.

Piccola avvertenza: gli scarponi da trekking sono cosa differente da quelli da alpinismo!

Anche se questi ultimi, con il loro aspetto high-tech e le suole predisposte per l’aggancio dei ramponi automatici, possono apparire estremamente attraenti anche per l’escursionista, non bisogna lasciarsi trarre in inganno!

Sono, infatti, attrezzature pensate per rispondere adeguatamente alle esigenze di utilizzo su terreni tecnici e per l’arrampicata su roccia e ghiaccio e per fare ciò adottano soluzione che spesso vanno a scapito del comfort nella camminata.

Una di queste è la suola rigida o semirigida: una benedizione, se dovete scalare una parete verticale, ma che non è certo la cosa migliore da avere sotto i piedi quando si devono macinare chilometri sui sentieri…

Ecco alcuni scarponi invernali in offerta:

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Un’estate in cammino con gli scarponi de La SPORTIVA

Barefooting: la tribù dei piedi scalzi

Tende da escursionismo: caratteristiche e consigli