Trekking in Sudtirolo – Alto Adige: itinerario ad anello in Val di Fosse

Un itinerario ad anello in Val di Fosse, una valle selvaggia laterale a partire dalla Val Senales. Camminiamo nel cuore del Sud Tirolo - Alto Adige.

7 settembre 2021 - 10:45

Val di Fosse, una magica valle laterale della Val Senales

la Val di Fosse è una silenziosa laterale di circa 15 km della Val Senales, in Sud Tirolo – Alto Adige.

Dal paese di Certosa si addentra nel Parco Naturale Gruppo di Tessa.

Una strada asfaltata serpeggia per la valle fino al pittoresco maso Vorderkaser con il ristorante Jägerrast da cui inizia un sentiero che fa parte dell’Alta Via di Merano.

In fondo alla valle si ergono i masi Eishöfe, un tempo gli insediamenti permanenti più elevati delle Alpi Orientali.

Altre escursioni portano al rifugio Petrarca all’Altissima e avanti in Val Passiria e agli imponenti tremila del Gruppo di Tessa.

Grazie alla forte presenza di selvaggina, la Val di Fosse è la destinazione ideale per un’uscita in compagnia di un guardiacaccia sulle tracce di cervi e camosci.

Un itinerario ad anello dal Maso Casera di Fuori – Vorderkaser

L’itinerario è lungo ma non difficile, affascinante per la visuale che offre.

Bisogna prestare attenzione all’equipaggiamento: è importante munirsi di attrezzatura da montagna adatta a rovesci e gelate.

Lungo il percorso s’incontrano alcuni masi, le tipiche costruzioni rurali su cui si è basata per secoli la vita contadina in Sudtirolo.

L’escursione inizia al Maso Casera di FuoriVorderkaser, costruito nel XIII secolo secondo lo stile tradizionale.

Da qui si prosegue su un largo ma leggermente ripido sentiero per giungere prima a Casera di Mezzo (m 1954), poi a Rableid (m 2004) e infine al maso Gelato (m 2070).

Queste malghe sono aperte solamente d’estate.

Superato il maso Gelato si prosegue sul sentiero, inizialmente pianeggiante e poi a tornanti, salendo alla vicina malga Cave di Vernago (m 2056, non più gestita).

Qui un’insegna in bronzo ricorda che sono state rinvenute alcune pietre focaie dei cacciatori dell’Età della Pietra. Alle Fosse e sul Gurgler Eisjoch (m 3152) invece, fino all’estate di pochi anni fa, si poteva assistere al passaggio delle mandrie di pecore verso la Borgurgl.

Seguendo ancora l’itinerario principale si raggiunge il passo Gelato (m 2895) con il suo bellissimo panorama ed infine il rifugio Petrarca all’Altissima (m 2875), una baita in splendida posizione, aperta solo d’estate.

Lo stesso sentiero percorso a ritroso conduce al punto di partenza.

 

Scopri gli altri itinerari e percorsi in Trentino Alto Adige

Seguici sui nostri canali social! 
Instagram –  Facebook – Telegram

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Parco Stelvio, Valle Rabbi: trekking al rifugio Stella Alpina e Lago Corvo

La Pista ciclabile dell’Adige: Trento – Rovereto – Borghetto

In bicicletta nella campagna di Roma: l’Anello di Castel di Guido