Il cammino storico della Via Marchesana

Il percorso dell'antica Via Marchesana ripercorre le orme dei pellegrini che si spostavano sulle valli dell'Appennino piacentino - parmense, in equlibrio tra i territori di Liguria, Toscana, Emilia Romagna e Lombardia.

20 maggio 2017 - 13:15

Anche la Via Marchesana con la sua quieta bellezza si estende dal paesaggio suggestivo del lungo Po alle profondità delle Valli dell’Appennino piacentino-parmense, passando per la Liguria sino ad arrivare nell’accogliente Toscana.

Queste direttrici storiche attraversano non solo i borghi ma anche morbide e fertili colline e affascinanti ambienti montuosi, oggi in parte tutelati dall’istituzione di parchi e riserve naturali.

Il Prosciutto di Parma, il Parmigiano Reggiano, il Culatello di Zibello ed il Fungo Porcino di Borgotaro I.G.P., sono solo alcune delle eccellenze enogastronomiche che rappresentano il valore aggiunto di queste terre.

 

Un itinerario ricco di storia e cultura che attraversa quattro regioni: Lombardia, Emilia-Romagna, Liguria e Toscana. Un percorso affascinante da scoprire lentamente, tappa dopo tappa. Punti di partenza o di arrivo sono Pavia in Lombardia e Aulla in Toscana.

Idealmente indirizzato a escursionisti a piedi, in bicicletta e a cavallo, può essere percorso in buona parte anche con automobili e piccoli pullman.

 

La Via Marchesana rappresenta un percorso che valorizza un intero territorio, con la sua quieta bellezza che si estende dal paesaggio del lungo Po alle profondità delle Valli dell’Appennino Piacentino-Parmense, passando per Liguria e Toscana.

Un’immersione in un contesto eterogeneo che può offrire diverse tipologie di turismo, da quello di carattere culturale a quello rurale, enogastronomico, ambientale, religioso, sportivo e scolastico.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Garfagnana Trekking: tutte le tappe

La traversata del Gran Sasso

La Via degli Dei attraverso l’Appennino