Dal Santuario della Brughiera al Santuario di San Giovanni d’Andorno in Valle Cervo

20 maggio 2017 - 12:53

L’itinerario si svolge lungo i rilievi collinari della Valle Cervo con un lungo percorso dal dislivello contenuto, inserito in un paesaggio tra borgate, frazioni e paesi e pascoli e prati.

Dal Santuario della Brughiera con sentiero (in parte attrezzato) si parte verso Capomosso. Si prosegue verso la borgata Ferchiani per poi imboccare una mulattiera, attraversato il rio si sale, su strada asfaltata verso Borgata Ai Boschi. Da qui prima con pista forestale e poi sentiero ci si porta al colletto della Zerbola.

Proseguendo verso le Piane di Veglio si imbocca una sterrata, mediamente pianeggiante, e la si segue per alcuni chilometri sino a trovare il bivio del ripido sentiero per il Santuario del Mazzucco.

Dal Santuario si scende sino a frazione Falletti (Camandona) per poi imboccare la sterrata per Carcheggio. Si prosegue su un sentiero che attraversa il rio Strona e quindi alla località Trabbia (Callabiana). Si segnalano le indicazioni Valli della Fede.

Da Trabbia si scende su strada asfaltata (circa 2 km) sino a giungere all’oratorio di S. Antonio di Marcone e quindi imboccare il sentiero per Selve Marcone. Da qui si prende la mulattiera per Pettinengo.

L’itinerario della seconda tappa si svolge lungo i rilievi collinari della bassa Valle Cervo attraversando paesi, insediamenti, borghi e boschi con poco dislivello complessivo ma una lunga distanza da percorrere.

Dall’ingresso di Pettinengo (Villa Piazzo) si parte, su strada asfaltata, verso Selve Marcone. Dopo il bivio per Vaglio si gira su un sentiero per Andorno Micca.

Merita una deviazione di ca 30 m. a/r per l’Oratorio di Santa Maria degli Eremiti.

Si procede per Locato Superiore per raggiungere Tavigliano (Chiesa Parrocchiale e Municipio). Si prosegue quindi per frazione Sella (sempre su strada asfaltata). Seguendo la strada per la Sella si raggiungono le case di Usciso e Penno.

Si prosegue in salita per poi imboccare il sentiero per le baite Naulito procedendo su una pista che conduce a Rialmosso. Da questa frazione sino a Campiglia Cervo si prosegue su strada asfaltata, piacevole e molto poco frequentata, attraversando gli abitati di Roreto e Quittengo. Notevoli scorci panoramici.

In Campiglia Cervo si attraversa il paese e dopo il ponte sul torrente Cervo si sale alla frazione Oretto Superiore e da qui con mulattiera verso il Santuario di San Giovanni d’Andorno.

[sgpx gpx=”/wp-content/uploads/gpx/Carlo/5a Brughiera-Pettinengo.gpx”]

[sgpx gpx=”/wp-content/uploads/gpx/Carlo/5b Pettinengo-Andorno.gpx”]

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Monte Cusna: il gigante buono del Parco

La Pista ciclabile dell’Adige: Trento – Rovereto – Borghetto

Passeggiata al Lago di Braies