Cogne e Lillaz: le terre dello sci di fondo

20 maggio 2018 - 12:10

Ecco la regina valdostana dello sci di fondo: Cogne

Tra le valli più rappresentative del Gran Paradiso c’è sicuramente la Val di Cogne. Circondati da alte cime imbiancate, gli appassionati di sport invernali troveranno un’ampia scelta per soddisfare la voglia di neve.

Innanzi tutto pensiamo a dove alloggiare: alberghi a 4 stelle, residence di alta qualità, piccole strutture ricettive ricche di calore familiare e appartamenti privati garantiscono al visitatore un’ampia possibilità di scelta. Non appena sistemati i bagagli viene subito voglia di infilarsi scarponi e tuta da sci per saggiare le piste oppure dedicarsi a sport più estremi e emozionanti come l’Ice Climbing. Il freddo invernale trasforma i salti d’acqua in vere e proprie pareti da scalare; in questa zona, particolarmente in Valnontey e Valeille, troverete oltre 50 cascate di ghiaccio dove conficcare piccozza e ramponi, sempre in sicurezza accompagnati dalle Guide Alpine.

Cogne e dintorni

Per gli amanti della discesa il comune di Cogne mette a disposizione un piccolo comprensorio di 5 piste servite da 2 seggiovie e una telecabina che raggiunge i 2252 metri di quota. Una possibilità unica per attraversare il cuore del Gran Paradiso osservando gli stambecchi, i camosci, gli ermellini. Chi non ama il brivido della velocità e preferisce qualcosa di più rilassante, i praticanti di sci nordico trovano a Cogne un centro di eccellenza.

Ogni anno si svolge la competizione Marcia Gran Paradiso, che impegna i fondisti per 45 chilometri, inoltre è una delle tappe importanti per la Coppa del Mondo di sci. Grazie alla collaborazione con le Guide della Natura di Cogne sarà possibile percorrere i sentieri di neve non battuti: proveremo l’emozione di camminare immersi nel silenzio dei boschi, ascoltando il dolce linguaggio della natura interrotto soltanto dal frusciare delle nostre ciaspole.

Mentre i più grandi affrontano ripide piste o sentieri impegnativi, i più piccoli avranno di che gioire nel Parco Giochi sul Prato di Sant’Orso. L’iniziativa ha riscontrato un grande successo e ha coinvolto i bambini, ma anche le famiglie. Sarà un vero spasso cimentarsi in uno slalom tra elefanti, leoni, funghi giganti e altri simpatici personaggi in gommapiuma per poi risalire con un comodissimo “tapis roulant” che agevola i piccoli sciatori e chi gli accompagna sprovvisto di sci. Un modo simpatico per avvicinare i più piccoli agli sport invernali in modo graduale, senza esasperazioni competitive, come se fosse un gioco.

Le piste e i tracciati

Le lunghe piste disponibili si snodano sotto le cime della Grivola e del Gran Paradiso, per una lunghezza di 80 chilometri, spaziando tra i villaggi di Epinel, Lillaz e Valnontey, proprio nel cuore del Parco Nazionale del Gran Paradiso.

I tracciati attraversano boschi, torrenti e ponticelli, in un contesto davvero fiabesco dove, nei periodi giusti, non è inconsueto incontrare animali selvatici. A Cogne si svolgono anche grandi competizioni internazionali, come la “Marcia Gran Paradiso”, che prende corpo su un tracciato di 45 chilometri.

La varietà delle piste e le diverse lunghezze dei tracciati consentono la pratica dello sci di fondo a qualsiasi livello tecnico. Il piccolo abitato di Lillaz, a quota 1650, invita a sostare nel borgo raccolto, fatto di case in legno e camini fumanti.

Non lontano dal paese si trovano le famose cascate che in inverno si trasformano in una colata di ghiaccio, spesso scalata dagli appassionati dell’arrampicata invernale.

In fondo all’abitato di Cogne, sopra al grande parcheggio per i camper, parte sulla destra una mulattiera innevata. Fin dall’inizio la pista mette a disposizione i binari per il passo alternato.

Il primo tratto è quasi interamente in piano e conduce il fondista tra alte conifere che isolano il tracciato dalla strada per Lillaz, sul versante opposto del fiume. Si tralascia la deviazione per la pista nera della Sylvenoire (attenzione: pista difficile con salite e discese molto tecniche) e si prosegue in moderata salita fino a quando la pista si allarga e si apre il candido pianoro di Lillaz.

Qui è possibile esplorare i prati innevati grazie a due differenti anelli o proseguire sull’ampio tracciato esterno che costeggia il fiume, oltrepassa l’abitato di Lillaz e l’area del campeggio estivo per agganciare il prolungamento dell’anello alto e proseguire verso il vallone di Valeille, dominato dai ghiacciai delle Sengie e di Valeille.

Qui, la strada poderale che d’inverno è accuratamente battuta, sale decisamente nel bosco di larici e abeti rossi e si fa più stretta e contorta fino a sbucare in una conca alpina incontaminata. Un ultimo tratto, semplice e poetico, supera un grande masso e la deviazione per le cascate di ghiaccio.

Per i fondisti è arrivato il momento di tornare a valle e affrontare la prolungata discesa che con un ampio tornante conduce ad un ultimo veloce rettilineo (prestare attenzione alla velocità e agli altri sciatori in fondo alla discesa), alla cui base si trova uno dei ristori sul percorso.

Da qui si torna in piano verso l’area parco giochi e camping per poi sciare ancora sul pianoro di Lillaz e rientrare a Cogne seguendo il tratto iniziale della pista in direzione contraria.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Il Cammino dei Briganti: un trekking ad anello tra Lazio e Abruzzo

Trekking alle Cinque Terre: il sentiero da Riomaggiore a Monterosso al Mare

Monte Cusna: la vetta più alto del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano