Valle Maira: il sentiero dei ciclamini

20 maggio 2017 - 13:18

Il Sentiero dei ciclamini è il percorso ideale per chi vuole avvicinarsi in modo “soft” alla selvaggia bellezza della Val Maira. Si tratta, infatti, di un itinerario semplice sotto l’aspetto delle difficoltà atletiche e tecniche, quindi adatto anche a camminatori non particolarmente allenati o a gruppi familiari. Semplice non significa però meno entusiasmante, anzi!

Il nome dice già molte cose sulle peculiarità di questo sentiero, che, fra i mesi di maggio e agosto, diviene un festival di colori e profumi, soprattutto grazie ai ciclamini che fioriscono fra Camoglieres e Caricatori. Anche negli altri mesi dell’anno, però, l’itinerario riserva piacevoli sorprese, con scorci e panorami, particolarmente affascinanti nel periodo autunnale quando la valle si veste dei suoi colori più sgargianti prima del sonno invernale.

Il percorso, lungo il quale si trovano anche pannelli didattici dedicati alle specie arboree locali, è segnalato con frecce segnaletiche in prossimità dei bivi e tacche di colore lilla, che in parte si affiancano alle tacche gialle dei Percorsi Occitani. Si parte dal centro abitato di Macra (818 m), per seguire il tracciato dei Percorsi Occitani (direzione San Martino), lungo l’antica mulattiera che costeggia il rio Bedale.

In prossimità della borgata Langra si abbandona il sentiero e si percorre il tratto della strada che congiunge Macra Parrocchia con Caricatori (998 m), da dove, al termine della borgata, ci si inerpica in direzione sud-sud/est lungo il sentiero che attraversa il Bosco di Saria, attraversando la Comba Friera e passando sotto “Le Rocche”.

Questo tratto, particolarmente panoramico, si svolge tutto a mezza costa. In prossimità dell’abitato di Camoglieres, a sinistra del tracciato si diparte una variante che conduce alla palestra di roccia, attrezzata per il free climbing.

Da Camoglieres (992 m) si riprende il cammino lungo un tratto dei Percorsi Occitani (Macra Parrocchia – Pagliero). A Macra Parrocchia si costeggia la chiesa seguendo il tracciato P.O. che si ricongiunge, in breve, con il sentiero di partenza, per poi giungere al centro di Macra.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Monte Cusna: il gigante buono del Parco

La Pista ciclabile dell’Adige: Trento – Rovereto – Borghetto

Passeggiata al Lago di Braies