Alta Val d’Ala: con le ciaspole a Pian della Mussa

20 maggio 2018 - 19:43

Pian della Mussa nella stagione fredda torna ad essere uno dei luoghi magici dell’Alta Val d’Ala

Dopo l’ultima casa di Balme si attraversa la Stura su un ponticello (indicazioni) e poi si piega a destra, in salita, lasciando a destra l’evidente roccione denominato “Roccia Sari”. Dopo un tratto di salita si arriva alle case di Bogone (m 1600) e proseguendo si oltrepassano dei vecchi alpeggi.

Il tracciato prosegue ora a picco sulla Stura e dopo aver passato un bel pilone votivo occorre, con innevamento abbondante, un po’ di cautela perché, poco prima di arrivare al Pian della Mussa, è possibile trovare un rigonfiamento di neve dura, originato dal vento (prestare attenzione). Subito dopo si arriva al Piano (poco meno di un’ora da Balme).

Per raggiungere il Rifugio Città di Ciriè (m 1850) è sufficiente percorrere il tracciato della strada estiva, avendo cura di non calpestare i “binari” delle piste da fondo. Il ritorno avviene per la via di salita.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Garfagnana Trekking: tutte le tappe

La traversata del Gran Sasso

L’incanto delle Dolomiti: l’anello delle Tre Cime di Lavaredo