Alpi Biellesi: il Colma di Mombarone – Dora Baltea Canavesana

20 maggio 2018 - 20:23

Alpi Biellesi: ben visibile dalla pianura eporediese, la Colma di Mombarone è cima assai frequentata, soprattutto perché molto panoramica.

Sulla vetta è presente una grande statua del Redentore, costruita nel 1900, abbattuta da un fulmine nel 1948 e ricostruita nel 1991; poco sotto la cima è presente anche un piccolo rifugio.

Poco a monte del bivio per Biolassa il sentiero 858 (indicazioni verticali) sale tra le betulle fino ad incrociare uno sterrato: qui si svolta a sinistra e si prosegue fino a un ponte e a un gruppo di case. In prossimità di queste, si volge a destra e si sale su un prato dove il sentiero pare perdersi, ma che varie paline in legno con segni biancorossi consentono di seguire.

Ben presto il sentiero torna nel bosco, guadagna quota ed esce tra le praterie, seguendo la direzione del vallone; superate alcune baite, si raggiunge il pianoro dell’Alpe Brengovecchio (m 1800). Si tocca un secondo alpeggio sul lato sud della conca per poi volgere a destra e raggiungere un’altra baita; da quest’ultima, si continua per il tracciato che sale verso est (segnaletica orizzontale con tacche rosse e biancorosse e frecce in legno).

Si sale così al lago di Mombarone, dove si trascurano le indicazioni per la Colma (sentiero meno agevole) e si piega invece a sinistra: si attraversa l’acquitrino e per comodo sentiero si sale all’Alpe Mombarone e al Colle I Test (m 2039). Dal valico si svolta a destra e si sale un sentiero che si sviluppa in parte in costa (difficoltà se presente neve gelata) e in parte in cresta, fino ad alcuni tornanti che portano in vetta.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Il Cammino dei Briganti: un trekking ad anello tra Lazio e Abruzzo

Trekking alle Cinque Terre: il sentiero da Riomaggiore a Monterosso al Mare

Monte Cusna: la vetta più alto del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano