Pantelleria: Anello del Kaggiar

Trekking alla scoperta del'isola vulcano, lungo una delle colate laviche più antiche presenti nel Parco Nazionale dell'Isola Pantelleria, camminando fino alle acque cristalline della costa

20 maggio 2020 - 20:23

Il sentiero inizia a pochi metri dal parcheggio di Cala Cinque Denti.

Ci incamminiamo su strada lastricata risalente all’epoca romana. Lungo il cammino ammiriamo le forme immaginifiche delle rocce nate dalle imponenti colate laviche che hanno dato vita al paesaggio del Gelfiser e del Khaggiar.

Anche le piante hanno cercato il proprio spazio vitale tra le rocce al riparo dal vento.

Avanziamo tra i colori e profumi del corbezzolo, del lentisco e dell’asparago e notiamo i licheni che ricoprono le antiche rocce vulcaniche.

Dopo un incrocio il sentiero scende verso il mare, dove nella stagione buona si può fare il bagno nella piccola Cala Cottone così da vedere l’isola da un altro punto di vista e dal mare ammirare la conformazione della roccia costiera.

Risaliamo verso il faro di Punta Spadillo tra leccete ed euforbie, lo oltrepassiamo e scendiamo tra vecchie postazioni di artiglieria proseguendo nella parte finale della colata del Kaggiar fino al Laghetto delle Ondine.

Una piccola vasca di scogliera al riparo dalle onde dove si trovano delle rocce vulcaniche dalla particolare forma geometrica a cui è stato dato il nome di Pantelleriti Colonnali da Fulvio Fonseca, dottore magistrale in scienze biologiche e sommozzatore scientifico, dal 2014 impegnato nella conduzione di studi sull’isola.

Tramite una vecchia mulattiera di guerra facciamo ritorno al punto di partenza.

Per maggiori informazioni

Ente Parco Nazionale Isola di Pantelleria
Via San Nicola, 3 – 91017 Pantelleria (TP)
Tel +39 0923/564003 – 00 – 569412 – Email: parcopantelleria@gmail.com

http://www.parconazionalepantelleria.it/

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Il Cammino dei Briganti: un trekking ad anello tra Lazio e Abruzzo

Trekking alle Cinque Terre: il sentiero da Riomaggiore a Monterosso al Mare

Monte Cusna: la vetta più alto del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano