Piemonte, Alpe Solcio: con le ciaspole al Rifugio Crosta in Val d’Ossola

Con le ciaspole fino al Rifugio Crosta, all'ombra del Monte Cistella, in Val d'Ossola, Piemonte. Un'escursione in un ambiente magico e vista spettacolare.

21 gennaio 2022 - 9:42

Alpe Solcio e Rifugio Crosta, storie di montagna in Val d’Ossola

L’Alpe Solcio, coperta da un bel manto nevoso già a inizio novembre, offre ai ciaspolatori una bella escursione verso il Rifugio Crosta, aperto tutto l’anno.

Si tratta di un ampio alpeggio ai piedi di un vallone solitario e selvaggio.

Si ritiene che l’origine del nome derivi dal latino sulcus e dal dialetto solch che significano appunto solco e che ne descrivono bene le caratteristiche.

Si tratta infatti di una vera e propria insenatura su cui si erge il Monte Cistella, una delle montagne più belle dell’Ossola, celebrata da poeti e scrittori.

Tra gli anni 20 e 30 del Novecento ebbe inizio la costruzione di quello che oggi è il Rifugio Crosta, ma che in origine doveva essere un albergo intitolato proprio al Monte Cistella.

Nel 1947 l’edificio venne invece acquistato dalla sezione del Cai di Gallarate, ribattezzato “Domus Nostra” e in seguito dedicato a Pietro Crosta, ex presidente della sezione e che si era impegnato nell’acquisto.

Il rifugio e l’alpe sono punto di riferimento e interessante meta per scialpinisti e ciaspolatori durante l’inverno e base per escursioni al Monte Cistella (2880 m) e al Pizzo Diei (2906 m), oltre ai trekking verso i Parchi Veglia e Devero, d’estate.

Salita con le ciaspole da Varzo al Rifugio Crosta

Da Varzo, risalire in direzione di San Domenico fino a giungere al parcheggio sulla destra poco oltre Maulone di Sotto (m 937).

Da qui parte una strada esposta a Sud chiusa al traffico con indicazioni Alpe Solcio, nel Parco Naturale Veglia – Devero.

D’inverno il percorso è solitamente innevato e battuto.

Dopo un breve tratto nel fitto bosco di conifere, si arriva a Maulone di Sopra.

Si superano splendidi alpeggi fino a raggiungere Salera, belvedere sulla Val Divedro e sul trittico dei 4000 Svizzeri di Weissmies, Lagginhorn e Fletschorn.

Da qui si sale fino a Calantigine e successivamente all’Alpe Solcio e al Rifugio Crosta in un ambiente sempre aperto, solare e che infonde pace e serenità.

Il ritorno avviene per lo stesso percorso con possibilità di scegliere scorciatoie più ripide.

Il rifugio si raggiunge anche da San Domenico, attraverso l’Alpe Dorcia e l’Alpe Balzo ma l’itinerario presenta talvolta tratti a rischio valanga.

Notizie Utili

Il Sito Ufficiale del Parco naturale Veglia – Devero

Il sito ufficiale del Rifugio Pietro Crosta

 

 

_ Scopri gli altri itinerari e percorsi in Piemonte

Seguici sui nostri canali social!
Instagram – Facebook – Telegram

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Piemonte, Alpi Marittime: trekking in Valle Gesso ai laghi della Valscura

Il Rocciamelone: al cospetto del Re delle Alpi

Piemonte, trekking ad anello nel Monviso