Gran San Bernardo, da Saint Remy ad Ospizio

20 maggio 2019 - 15:56

Una delle porte alpine sull’Italia, il Gran San Bernardo è un valico dalla storia secolare che si apre su panorami unici. Dai Romani a Napoleone, questo passo è luogo di transiti illustri che hanno segnato la storia del nostro Paese e del resto d’Europa.

Situato a cavallo tra Valle d’Aosta e la Valle d’Entremont, nel cantone svizero del Vallese, il Passo del Gran San Bernardo ha costituito per decenni una delle vie preferenziali per raggiungere il Bel Paese dall’Europa centrale e viceversa.

Solcato fin dai tempi dei romani, che nel punto più alto costruirono un tempio dedicato a Giove Pennino, il passo fu sede di Mutationes, ossia stazione di cambio cavalli e ristoro per i viaggiatori. Intorno all’anno 1000 venne costruito un ospizio gestito da uomini di religione, i quali avevano il compito di ricoverare e assistere i viandanti.

A causa delle imprevedibili condizioni meteorologiche e dei venti che spazzano costantemente il valico, i canonici iniziarono a farsi coadiuvare da grandi cani molossoidi, che divennero nel tempo compagni fedeli e vero e proprio simbolo di tutta la valle: stiamo parlando dei San Bernardo.

L’itinerario: da Saint-Remy a Ospizio

Il percorso lascia lentamente il borgo di Saint-Remy e dirige verso la strada asfaltata sino a deviare, dopo un breve tratto, sulla destra per imboccare una sterrata realizzata a servizio dell’oleodotto. Più avanti si profila la mulattiera che prende quota con larghe svolte sul ripido versante seguendo l’antica via romana.

Il percorso prosegue in live salita e, avvicinandosi a Fonteinte lambisce alcune prative ove un cippo, ancora adagiato sul terreno, ricorda il deputato aostano Laurent Martinet qui deceduto nell’estate del 1858 in seguito ad un attacco di mal di montagna.

Pochi passi e la Cantine de Fonteinte è raggiunta. Si tratta di un antico edificio di impianto romano passato poi alle dipendenze dell’Ospizio del Gran San Bernardo. Oltre Fonteinte, si delinea l’ultimo tratto di un percorso dominato dall’austero profilo dello sperone roccioso dal suggestivo nome di Tour-des-Fous.

Attraversata la statale il percorso ricalca un bel tratto di strada romana tagliato nella roccia che immette nell’area archeologica del Plan de Jupiter. La vista si allarga sul valico, sulle gelide acque del lago e, già in territorio svizzero, sull’imponente costruzione dell’Ospizio.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

La traversata del Gran Sasso

Gran Paradiso: un segreto desiderio

L’incanto delle Dolomiti: l’anello delle Tre Cime di Lavaredo