Grandi altipiani trentini: da Passo Coe al Monte Maggio

20 maggio 2018 - 16:22

In contrapposizione agli scenari verticali delle Dolomiti, i Grandi Altipiani Trentini offrono un paesaggio altrettanto suggestivo e unico nella sua apparentemente infinita estensione, dominata a Nord dai profili lontani delle Alpi Retiche e dilagante a sud verso gli orizzonti della pianura padana.

Il Monte Maggio, in particolare, offre una panoramica sconfinata sugli Altopiani; da Passo Coe, raggiungibile in pochi chilometri da Folgaria, si costeggia la recinzione dell’ex base Nato verso il sacrario di Malga Zonta seguendo una strada forestale; arrivati a una curva sul dosso che sovrasta la vecchia base militare si abbandona la strada per dirigersi tra prati innevati verso una piccola valletta per giungere, superata una breve salita, a Malga Melegna (1580 metri).

Lasciando l’edificio sulla sinistra, si prosegue in direzione ovest-sud-ovest verso la dorsale montuosa che domina il bosco verso occidente; sulla sinistra si scorge la grande croce sulla sommità del Monte Maggio.

Salendo in campo aperto si raggiunge un tornante della strada militare, e si segue facilmente la strada in direzione sud fino alla cima. Nell’ultimo tratto si deve prestare attenzione perchè è facile trovare accumuli di neve portata dal vento che creano un unico piano inclinato col pendio sottostante; meglio salire direttamente lungo la cresta fino alla croce di vetta. Ritorno per il medesimo itinerario.

 

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

La Via Matildica del Volto Santo, un cammino di 285 km tra storia e natura

Piemonte, la magia della montagna: un itinerario nel Parco Veglia-Devero

Appennino bolognese, Corno alle Scale: trekking al Lago di Pratignano