La foresta dei violini

18 marzo 2020 - 9:50

Si attraversa il torrente Travignolo e si risale a sinistra il bosco fino ad incrociare la carrozzabile per il passo Rolle nei pressi del tornante di quota 1630. Raggiunto il tornante (da dove si può iniziare la gita in caso di scarso innevamento), si imbocca a destra una strada forestale. Nel primo tratto si continua a seguire la carrareccia estiva prendendo la diramazione che si alza verso sud. Più in alto, mentre il bosco diventa man mano meno fitto e cede gradatamente il posto alle praterie, si prosegue su terreno libero fino alla malga Colbricon (1838 m) e, con un leggero saliscendi, al passo e ai laghetti omonimi. Dalla bella conca dei laghi si raggiunge infine su terreno vario la carrozzabile all’altezza della malga Rolle (1910 m). La discesa si svolge lungo le tracce lasciate in salita. Nel complesso l’itinerario non comporta particolari difficoltà, ma in caso di neve gelata richiede il possesso di una buona tecnica di discesa dalla malga Rolle fino alla strada forestale di Paneveggio.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Il Rocciamelone: al cospetto del Re delle Alpi

Via di Linari: un cammino medievale di 100 km tra Emilia e Toscana

Siena, il Grande Anello: trekking tra le colline del chianti