I pregiati larici della Val di Fiemme

20 maggio 2018 - 16:20

L’area è il cuore del lariceto di Monte Gua, che per la qualità del suo legname è considerato uno dei migliori d’Europa.

Proprio con queste piante è stato ricostruito il famoso Ponte di Bassano del Grappa. Descrizione dell’itinerario: dal parcheggio del Pra del Manz seguire la segnaletica per il Monte Corno, a 500 metri dall’area attrezzata con i fuochi (località Pradi), immettendosi sul segnavia nr. 2 Anterivo – Cauria, ignorando l’altra segnaletica per il Monte Corno.

Proseguire per circa un’ora e mezza, sempre su sentiero con due brevi tratti su carrareccia. Riprendere il segnavia nr. 2 per circa un’ora, fino all’ampia carrareccia Cauria – Monte Corno (baita Karl Franz). Procedere per Monte Corno (sentiero E5) in direzione del Lago Bianco (30 minuti).

Dopo mezz’ora di cammino si trova una segnaletica con deviazione a sinistra per il Lago Nero. Da qui si rientra sul sentiero principale proseguendo per la Malga Monte Corno. Si prende per Anterivo – Trodena – Capriana e si segue in direzione Capriana per un’ora e mezza circa fino al parcheggio a Pra del Manz.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Garfagnana Trekking: tutte le tappe

La traversata del Gran Sasso

L’incanto delle Dolomiti: l’anello delle Tre Cime di Lavaredo