Val de Lamare: il rifugio Cevedale “Guido Larcher”

20 maggio 2019 - 16:10

Una piacevole escursione tra le cime del Parco Nazionale dello Stelvio per raggiungere il rifugio Guido Larcher, paradiso di laghi e ghiacciai.

Il Rifugio Cevedale Guido Larcher è la base ideale per escursioni alpinistiche verso vette come il Cevedale, lo Zuffal, il Palon de la Mare e il Vioz. In prossimità del rifugio si possono raggiungere radure e piccoli laghetti di origine glaciale, naturale dimora di una grande varietà faunistica tipica delle Alpi.

Si parte dal parcheggio di Malga Mare, raggiungibile comodamente da Cogolo di Pejo seguendo una strada asfaltata che segue il corso del torrente Noce verso nord.

Una volta giunti al parcheggio si imbocca il sentiero SAT 102 che fiancheggia Malga Mare ed inizia a salire inoltrandosi in un fitto bosco di pini cembri.

Una volta terminata l’area boschiva, si sopraggiunge presso un pianoro panoramico chiamato Pian Venezia, da cui si vede già la destinazione finale. Proseguendo a mezzacosta sulla parte destra della valle, si giunge a destinazione.

Dal Rifugio la vista spazia dal Cevedale al ghiacciaio de la Mare, con le antiche morene e rocce modellate nei secoli dall’erosione e dai movimenti del manto ghiacciato.

Per chi non si accontentasse della vista che si gode dal rifugio, seguendo il sentiero SAT 123 si sale ulteriormente sulle conche sovrastanti l’edificio, per effettuare un percorso ad anello che si sviluppa tra il Lago Marmotte, il Lago Lungo, il Lago Nero ed il bacino idroelettrico del Careser. Da quest’ultima località si può riscendere a valle – sempre seguendo il SAT 123 – verso il parcheggio di Malga Mare

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

DOLOMITI: 8 itinerari sulle montagne più belle del mondo

La traversata del Gran Sasso

Gran Paradiso: un segreto desiderio