Valsavarenche: vette e rifugi

20 maggio 2018 - 16:28

La Valsavarenche, la più stretta e selvaggia delle valli valdostane, prende inizio dal massiccio del Gran Paradiso ed è posta nel bacino idrografico destro della Dora Baltea, tra la Val di Rhêmes e la Val di Cogne.

Sono tanti gli itinerari che si possono percorrere, come quelli ai rifugi Chabod, Vittorio Emanuele II e Savoia o al colle del Nivolet.

Descrizione: l’itinerario parte dal ridente paese di Eau Rousse, in francese “acqua rossa” per la tipica acqua ferruginosa che scorre in zona.

Dal parcheggio di Eau Rousse si raggiunge il piazzale dell’albergo Hostellerie du Paradis dove si trova un cartello che indica un sentiero natura. Il percorso si snoda tra muretti a secco, che ricordano la fatica dei valligiani che coltivavano fazzoletti di terra anche lontani dai villaggi.

Nel bosco si alternano zone più chiuse di abeti rossi e ontani a radure di larici. Un traverso porta ai prati a monte di La Rujaz e di qui al casotto dei guardaparco.

Testo redazione / Foto Cesare Re

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Toscana, trekking sulla spiaggia: di cala in cala da Punta Ala a Follonica

La Via Matildica del Volto Santo, un cammino di 285 km tra storia e natura

Piemonte, la magia della montagna: un itinerario nel Parco Veglia-Devero