Via FRANCIGENA: da Etroubles ad Aosta

20 maggio 2019 - 16:12

A Etroubles, da Rue de Mont Velan giriamo a destra in discesa, nei pressi della biblioteca volgiamo a destra, attraversiamo il torrente sul ponte pedonale, per imboccare Via Saint Roch sulla sinistra, costeggiamo il cimitero su una carrareccia, e dopo una breve salita e una successiva discesa arriviamo in corrispondenza della statale, che costeggiamo percorrendo un tratto dismesso.

Dopo circa 500 metri prendiamo a destra il Ru Neuf, ovvero il canale di irrigazione, per arrivare a Echevennoz di Sopra, dove imbocchiamo nuovamente il Rus. Arrivati alla frazione Chez-Les-Blancs costeggiamo la stalla sulla destra per poi riprendere il Rus, e iniziare un tratto di sentiero molto bello, che s’inoltra nella foresta.

Quando il sentiero diventa carrabile, al primo bivio prendiamo a sinistra in discesa, seguendo i bolli gialli, sbuchiamo su una carrareccia e proseguiamo in salita sulla destra, e dopo un breve strappo prendiamo a sinistra in discesa. Il tratto che segue è un delizioso falsopiano nella foresta, accanto al Rus, che si conclude a un incrocio con una strada asfaltata, che prendiamo a destra per poi abbandonarla e tornare verso il Ru sulla sinistra.

La strada s’inoltra nuovamente nella foresta, superiamo un ponticello accanto al quale c’è un’edicola votiva, e arrivati in prossimità di un tornante della strada asfaltata prendiamo il ripido sentiero che scende a sinistra.

Attraversiamo una strada asfaltata, vediamo davanti a noi Gignod, e proseguiamo per il sentiero in discesa, ad un bivio prendiamo a sinistra e ci portiamo davanti alla chiesa di Gignod. Scendiamo a destra, raggiungiamo la statale e la seguiamo per un breve tratto per poi attraversarla e raggiungere Chez-Courtil, lungo la strada asfaltata; arrivati alla frazione proseguiamo per Variney, dove giriamo a destra lungo la strada regionale. Alla rotonda vicino alla galleria ci teniamo a sinistra, in direzione del centro, passiamo davanti alla cappella e costeggiamo la statale.

Dopo essere passati accanto alla cappella di Signayes, giriamo a destra per Grand  Signayes, e proseguiamo diritto. Dopo una breve salita, in corrispondenza dell’ex cappella di Montcenis prendiamo il sentiero a sinistra, al successivo incrocio scendiamo a sinistra, attraversiamo la strada regionale per Arpuilles. Proseguiamo diritto e all’incrocio giriamo a destra in corrispondenza dell’incrocio tra Via Gran San Bernardo, Via Saraillon, Via delle Betulle, Via Edelweiss. Imbocchiamo quest’ultima per entrare in Aosta.

Testo di Sandro Bassi

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Il Cammino dei Briganti: un trekking ad anello tra Lazio e Abruzzo

Trekking alle Cinque Terre: il sentiero da Riomaggiore a Monterosso al Mare

Monte Cusna: la vetta più alto del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano