In bici e mountain bike nel Parco dei Monti Sibillini, tra Marche e Umbria

Centinaia di chilometri su strada e sterrato, tra Marche e Umbria: il Parco dei Monti Sibillini è un vero paradiso per chi ama esplorare la natura su due ruote, con itinerari adatti a tutti, i più tranquilli ed i più avventurosi.

20 agosto 2021 - 6:27

Sembrano fatti per cancellare in un sol colpo il sudore e la stanchezza delle salite, quando, raggiunto il culmine delle ampie schiene dei Sibillini, coperte d’erba e punteggiate di fiori, ti investe la luce e l’aria di panorami che arrivano lontano, alle chiazze di colore delle colline della Valle di Camerino, al verde dei Monti della Laga o all’azzurro dell’Adriatico.

Poi giù, in discesa, rincorsi dal vento, verso i boschi e i campi, verso l’accoglienza di gente che conosce la fatica e il piacere che dà.

E poi, dopo una giornata trascorsa fra i monti, una tavola imbandita con pietanze semplici e gustose, e apparecchiata col cuore e il sorriso…

C’è spazio per tutti fra queste terre alte dagli orizzonti aperti.

Sia per i bikers innamorati della polvere e del fango delle piste sterrate e dei sentieri, sia per quei ciclo-amatori che preferiscono le strade d’asfalto, quelle tranquille e sinuose, che seguono il profilo delle valli e collegano paesi, frazioni e storie.

Per i primi la rete degli itinerari dei Sibillini è davvero un caleidoscopio di proposte allettanti.

Ben 15 sono gli anelli che il Parco ha attrezzato e marcato con apposita segnaletica (la lettera B seguita dal numero identificativo del percorso).

Diverse sono le proposte per gite giornaliere, da quelle più semplici e turistiche ai percorsi di montagna impegnativi sia per la tipologia di terreni affrontati che per il dislivello.

 

Il Grande Anello dei Sibillini tra Marche e Umbria

Per chi vuole godersi una vera e propria vacanza itinerante sulle due ruote è stata realizzata una versione per mountain bike del Grande Anello dei Sibillini.

Un itinerario di 174 chilometri percorribili in 4 o 5 giorni, per quasi 8000 metri di dislivello, un’avventura impegnativa, ma soprattutto emozionante e in grado di sorprendere ogni giorno con nuovi scorci e nuovi incontri.

Anche per questi percorsi in mountain bike, come per quelli escursionistici, il Parco segnala nel proprio sito le informazioni aggiornate relative alle condizioni di percorribilità.

Non temano i rappresentanti della tribù delle bici da strada, anche per loro ci sono chilometri in abbondanza da percorrere e infinite bellezze di cui stupirsi.

Quella dei percorsi stradali fra i monti Sibillini, infatti, è una rete da ben 450 Km, suddivisi fra la Grande Via del Parco e 6 itinerari ad anello, interamente segnalati.

 

La Grande via del Parco: 190  km in quattro tappe

La Grande Via del Parco è un tracciato ad anello di oltre 190 km.

Si divide in quattro tappe.

Si va da Visso a Fiastra, da Fiastra ad Amandola, da Amandola ad Arquata del Tronto, da Arquata del Tronto a Viss.

Costituisce il “filo rosso” che connette fra loro gli altri 6 itinerari.

Anche questi hanno un andamento ad anello.

Sono l’Anello del Fiastrone, l’Anello della Sibilla, l’Anello del Fluvione, l’Anello degli Altipiani, l’Anello della Valle Castoriana.

Il punto di partenza e arrivo di ciascuno coincide con una delle località toccate dalla Grande Via.

Questa estesa rete di percorsi offre davvero la possibilità di esplorare i luoghi più significativi e gli ambienti più affascinanti del territorio dei Sibillini.

Se poi non siete proprio degli aitanti atleti delle due ruote non temete: gli itinerari sono percorribili anche in sella a una moto oppure al volante dell’automobile o del proprio camper.

 

Notizie Utili

Il sito ufficiale del Parco del Parco dei Monti Sibillini è ricco di informazioni e dettagli oltreché di aggiornamenti sullo stato degli itinerari.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

La Via del Sale: un percorso sulla cresta dell’Appennino Ligure

Autunno nei boschi: ecco dove ascoltare il bramito dei cervi

5 luoghi dove ammirare i colori dell’autunno in Italia