Isola di Ponza: dal Porto a monte Guardia

20 maggio 2018 - 16:40

Un trekking panoramico al monte più alto dell’isola.

Partiamo dal palazzo Municipale, percorrendo corso Pisacane per circa 30 metri. Sulla sinistra incontriamo il cosiddetto Grottone di Pascarella, angusto e suggestivo passaggio che si apre tra gli storici edifici che si affacciano sul corso.

Attraversiamo il grottone e giungiamo in via Corridoio che di lì a poco si apre in via Umberto I. La via collega il porto con gli antichi quartieri della Dragonara e degli Scalpellini custodi della tradizione e della cultura dell’isola.

Proseguendo su via Umberto I giungiamo alle scale di via Scotti di Basso, abbellita da mosaici, balconi e archi. Più oltre salendo giungiamo agli Scotti di Alto (m 100). Qui la maggior parte delle abitazioni venne edificata su resti di abitazioni romane.

Proseguendo lungo il percorso principale giungiamo infine a un bivio segnalato da un cartello il quale indica a destra via Monte Guardia, un viottolo che sale tra le alte mura a secco e gradini arrampicati sulla collina. La via è affiancata a destra da piccoli orti pensili e vigneti racchiusi tra le alte mura che li difendono dai venti. Al termine della strada troviamo una piazzetta dove il 21 luglio viene ricordata la Madonna della Civita.

Saliamo lungo il viottolo ancora lungo il percorso della via crucis verso l’alto, fino al Monte Guardia (m 283). Da qui si gode un incantevole panorama. Troviamo anche una costruzione appartenente alla Marina Militare un’antica lanterna oggi in disuso

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Maremma: la civiltà del tufo

Mappa di prova

Cilento e Umbria con Officinae Itineris