Prealpi Giulie: Sella Carnizza e Casera Nischiuarch

20 maggio 2018 - 16:32

Sella Carnizza è un tortuoso valico stradale che non viene aperto al transito invernale dei veicoli e la neve, spesso abbondante, avvolge gli Stavoli Gnivizza con morbide meringhe bianche immerse in un soffice silenzio.

Descrizione: dal Ponte Casello si segue la strada principale, si attraversa il Ponte Tanabarman e si procede fino al tornante sul rio Uccea (m 725).

Da qui si può salire lungo la rotabile che con alcuni tornanti conduce senza possibiltà di errore a Sella Carnizza (m 1090). È molto più interessante però inoltrarsi nel bel bosco di faggio cercando i passaggi migliori fra massi e vegetazione fino ad incrociare la rotabile presso alcuni tornanti, abbandonarla e incrociarla nuovamente nei pressi della sella.

Da essa in pochi minuti si raggiungono prima gli stavoli Gnivizza e poi la Chiesa di Sant’Anna collocata su di un rilievo (2 ore).

È possibile seguire ancora la pista che attraversa a lungo il fianco boscoso con modeste pendenze, fino a cambiare versante proprio poco prima della Casera Nischiuarch (m 1207), alla quale si scende con due brevi tornanti (1 ora). Il rientro si effettua per il medesimo itinerario.

L’itinerario descritto è fornito dal Parco naturale Regionale delle Prealpi Giulie ed è tratto dalla guida “Alpinismo invernale nel Parco Prealpi Giulie” a cura del Parco, RESIA (UD) – 2008

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dossier: quanto vale un inverno senza neve?

DOLOMITI: con le ciaspole tra le montagne incantate

Maremma: la civiltà del tufo