Trekking con il treno rosso del Bernina: da Cavaglia a Alp Grüm

20 maggio 2019 - 16:26

Tutto il percorso della ferrovia del Bernina è costeggiato dal Sentiero Unesco che da Tirano conduce a Thusis passando per Pontresina: suddiviso in 10 tappe è l’ideale per una gita di più giorni.

Prima di cominciare la salita verso Alp Grüm, è consigliabile una deviazione di una trentina di minuti verso le Marmitte dei Giganti, una spettacolare formazione rocciosa levigata da secoli di erosione dell’acqua, visibili a circa 500 metri a valle della stazione. Da maggio a ottobre è anche aperto il Giardino dei Ghiacciai (www.ghiacciai.info per avere ulteriori informazioni), un sentiero didattico che propone un percorso tra la flora locale e le spettacolari geometrie delle Marmitte.

Per cominciare invece il percorso vero e proprio per Alp Grüm, si prende la strada esterna alla stazione di Cavaglia, in direzione del centro abitato, iniziando la salita. Dopo aver superato una fontana si prosegue seguendo le indicazioni per Alp Grüm risalendo il fianco della montagna ed addentrandosi nella vegetazione. Di tanto in tanto il sentiero si biforca per poi ricongiungersi, a tratti nel bosco, a tratti in spazi aperti.

Dopo aver raggiunto una piccola fontana, spesso nascosta dalla neve in inverno, il sentiero si fa meno ripido e giunge alla “Dotta”, un grande curvone ad angolo retto con cui la ferrovia guadagna quota nella sua salita verso Ospizio Bernina. Guardando verso valle, alle proprie spalle, in lontananza si riesce anche a scorgere il Lago di Poschiavo, un piccolo puntino blu da questa altezza.

Si prosegue costeggiando la ferrovia, senza attraversarla, fino a Stablini, una piccola stazione ferroviaria non custodita, vero e proprio balcone sulla Valposchiavo. Dopo aver attraversato la ferrovia in questo punto, si prosegue per circa 20 minuti su un tratto in pendenza meno ripida. In questo tratto si può ammirare il ghiacciaio del Piz Palü in tutta la sua imponenza, insieme all’omonimo lago, ghiacciato in inverno.

La salita torna a salire ripidamente e, dopo aver attraversato la ferrovia, si prosegue verso la stazione di Alp Grüm, che ad un certo punto si presenterà di fronte. Dopo aver sottopassato l’edificio, non resterà che giungere sull’ampio spiazzo antistante alla stazione, da cui ci si può godere il meritato riposo e una vista spettacolare su tutta la valle e sui ghiacciai.

Mentre il rifugio ed il buffet nei pressi della stazione di Cavaglia sono chiusi durante il periodo invernale, l’albergo ed il ristorante della stazione di Alp Grüm rimane aperto tutto l’anno, offrendo un punto di sosta e ristoro anche nella stagione fredda.

Testo di Marco Carlone / Foto di Marco Carlone, Romeo Lardi, Ferrovia Retica, Ente Turistico Valposchiavo

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Maremma: la civiltà del tufo

Mappa di prova

Cilento e Umbria con Officinae Itineris