Trieste: dal Castello di Miramare alla grotta del Gigante

20 maggio 2018 - 14:11

Dalle acque lucenti e dalle forme armoniose del Castello Miramare, questo itinerario ci porta a scoprire i picchi e le fantasiose sculture di roccia della Grotta Gigante, la caverna turistica più grande del mondo.

Si parte dal Castello Miramare, palazzo voluto dall’arciduca Ferdinando Massimiliano; se ne percorrono i giardini protesi sul mare, con le famose aiuole fiorite e il lago dei cigni, fino a raggiungere il cancello superiore.

Vicino alla stazione ferroviaria di Miramare si imbocca via Pucino, dalla quale inizia un sentiero indicato come “sentiero natura”. Si sale fino a raggiungere il borgo di Contovello, che si attraversa per seguire il bordo della stupenda falesia carsica: il panorama è incantevole, spazia dal Golfo di Trieste alle Alpi.

Si prosegue ancora lungo il ciglio della falesia fino a ricongiungersi con la strada principale in prossimità di un bar; da lì si imbocca la Strada Vicentina, molto panoramica e abbastanza ampia. Invece di proseguire per Opicina, si segue il sentiero n°1 che, ancora lungo la falesia, raggiunge il punto panoramico noto come “Vedetta d’Italia”, di grande impatto e bellezza.

Si supera il Santuario di Monte Grisa e si segue il segnale bianco e azzurro che consente di evitare strada e ferrovia; dopo un breve tratto su strada asfaltata si vede l’ingresso della Grotta, visitabile in circa un’ora.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

In cammino sulle creste dei Sibillini

Movimento sull’acqua: Positano dal kayak

Lazio: il Cammino di San Benedetto