Gli 8 sorprendenti benefici del cammino: quali sono e gli studi che li confermano

Camminare con costanza ha molti effetti positivi sull'essere umano, a prescindere dal contesto in cui lo si fa. Scopriamo quali sono i principali benefici per l'uomo e gli studi scientifici che li dimostrano

2 febbraio 2024 - 10:00

Perché camminare fa bene?

Che camminare faccia bene è ormai risaputo.

Spesso però si pensa che i benefici dell’andare a piedi siano generici e dai contorni poco definiti.

In realtà sono ben specifici e, soprattutto, comprovati da studi scientifici che lasciano poco adito a dubbi.

Ecco allora 8 effetti positivi – e a volte davvero sorprendenti – del camminare e dello stare nella natura e le ricerche che li confermano.

1 – Tutti i benefici del Bagno nella Foresta 

Nella medicina tradizionale giapponese lo chiamano bagno nella Foresta (Shinrin-yoku): è un’antica forma di terapia prescritta per purificarsi dalle tossine dello stress.

La buona notizia è che sembra funzioni davvero.

Almeno due studi pubblicati sul Journal of Immunopathology and Pharmacology e sul Journal of Public Health hanno dimostrato che camminare per periodi prolungati, respirando a pieni polmoni la natura del bosco, rafforza le difese immunitarie, riduce la pressione arteriosa, riduce i livelli dell’ormone dello stress, il cortisolo, riduce la frequenza cardiaca.

Che dici, sarà il caso di farselo, un bagno di questi?

 

2 – Quando si cammina il cervello lavora meglio

Quando si pensa all’efficienza nella vita quotidiana, negli affari, nel lavoro, viene in mente chi dedica l’intera giornata al suo obiettivo, rimandando indefinitamente i momenti in cui staccare dalle incombenze di ogni giorno.

Farsi una camminata sembrerebbe molto lontano dalle esigenze di efficienza del XXI secolo.

Eppure non è così.

Un’importante ricerca pubblicata sul Journal of Environmental Psychology ha confrontato le performance mentali di chi vive in città con quelle di chi vive periodi più o meno lunghi nella natura, arrivando alla conclusione che gli “outdoor” sono spesso più efficienti in ogni aspetto dell’attività mentale.

Se vuoi dare una sferzata ai tuoi neuroni, ora sai come fare.

 

3 – Il cammino fa perdere il peso in eccesso

Camminare aiuta a tenere sotto controllo la bilancia.

Questo certamente lo sai già, ma è sempre bene rimarcarlo. Mantenerti entro i limiti del peso forma significa tutelare la tua salute, aumentare le probabilità di vivere più a lungo e meglio.

Ma qual è il tuo peso forma?

Un buon indicatore è l’Indice di Massa Corporea.

Prendi nota del tuo peso – non barare – e della tua statura, poi dividi il peso per il quadrato della statura.

Se il risultato è inferiore a 18 sei sottopeso, tra 18 e 25 sei normopeso, tra 25 e 30 sei sovrappeso, oltre i 30 sei obeso (oppure un super culturista)

 

4 – Camminare sprigiona l’ormone della felicità

Sarà l’effetto dell’endorfina, l’ormone della felicità, ma se lo chiamano così ci sarà una ragione.

Camminare, anche in città, fa sentire bene, stabilizza l’umore, diminuisce l’ansia, previene sindromi depressive (se vuoi saperne di più leggi qui)

Ti sembra poco?

 

5 – Andare a piedi stimola la creatività

Uno studio della Stanford University ha dimostrato che camminare aumenta le capacità di pensiero creativo.

Secondo la ricerca il potenziale creativo è massimo durante il cammino e nel periodo immediatamente successivo.

L’incremento di creatività non dipende dall’ambiente, città o outdoor, ma dal camminare in sé e gli scienziati hanno osservato il doppio di risposte creative agli stimoli in chi cammina rispetto a chi è seduto.

Se hai un problema complesso da risolvere, fatti una camminata. La soluzione arriverà più facilmente. E sarà creativa.

 

6 – Camminare come forma di meditazione

Camminare ti da una libertà che spesso nella vita quotidiana non si ha.

La libertà di scegliere la propria andatura.

Questo farà bene alla tua mente, ma anche al tuo fisico.

Esplora la natura gradualmente, imparerai a non strafare e a ottenere il tuo massimo. Passo dopo passo.

 

7 – Camminare per conoscere

Camminare è viaggiare.

Sia che tu vada da casa all’ufficio, sia che tu decida di fare un trekking di una settimana alla scoperta delle colline toscane, che sia una vista spettacolare sulle montagne, un piccolo borgo medievale, un nuovo sentiero, un’osteria.

Ci sarà sempre qualcosa di nuovo da scoprire.

 

8 – Una nuova prospettiva sul mondo

Spostarsi a piedi, da un quartiere ad un altro, da una città ad un’altra, lungo un sentiero tra le montagne, ci offre forse il più prezioso dei regali: la possibilità di guardare tutto in una prospettiva diversa da quella a cui siamo abituati.

A volte, anche i piccoli problemi quotidiani che all’inizio del cammino sembrano montagne invalicabili, durante il percorso, come per magia, appaiono minuscoli, se visti con lo sguardo del viaggiatore.

Scoprire il mondo e scoprire te stesso vanno di pari passo.

Il passo del camminatore, s’intende.

 

_ Leggi altri articoli sulla salute e il benessere

 

_ Seguici sui nostri canali social!
Instagram –  Facebook – Telegram

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

La corretta postura da tenere durante il trekking: vediamo gli errori da evitare e i movimenti giusti

Come preparare lo zaino da trekking: consigli di carico e distribuzione dei pesi

Come proteggersi dal sole durante le escursioni estive: ecco alcuni consigli utili