Majella, la montagna madre – 4° tappa

18 marzo 2020 - 9:57

In previsione di quello dell’ultimo giorno, questo percorso risulta ancora abbastanza corto, per permettere, in condizioni di bel tempo, eventuali semplici digressioni (ad esempio, sui monti Acquaviva e Pescofalcone che spaziano sui due versanti orientale ed occidentale della Majella); oppure, in caso di cattivo tempo (com’è capitato a noi), per superare con la dovu-ta cautela la zona critica dei Tre Portoni, soggetta più facilmente al passaggio di nuvole basse. In circa 45 minuti siamo risaliti al Monte Focalone per il crinaletto ove è posto il bivacco Fusco e, seguendo gli ometti, siamo scesi un po’ per il pianoro in direzione Monte Amaro, per poi camminare lungo la cresta che presen-ta i tre caratteristici avvallamenti chiamati I, II, III Portone (su IGM è indicato solo il terzo con la dicitura “Tre Portoni”). Al III Portone, per facili roccette, si sale sul sovrastante ampio crinale pietroso del Pescofalcone e si procede lasciando sulla sinistra una grossa dolina. In caso di maltempo è consigliabile seguire gli ometti per salire al Monte Amaro in modo più graduale e con me-no rischi di perdersi per il suo ampio crinale. In caso di bel tempo, o comunque dl buona visibilità, si può affrontare la salita tagliando a sinistra della dolina suddetta, seguendo tracce più o meno evidenti che ripidamente s’innestano sul sentiero 1 poco prima della vetta. Pochi metri sotto la cima del Monte Amaro (2793m), evidenziata da un pilone e una croce, en-trambi rossi e metallici, appare, di colore rosso e forma semisferica, il bivacco Pelino. Molto spazioso con i suoi 12 posti letto (costituiti da due tavolacci di legno a for-ma di semicerchio e disposti a castello) ha attualmente il solo difetto che la porta è sprovvista di blocco e va chiusa ingegnandosi in loco.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valgrisenche, salita al Rifugio Bezzi tra montagne imponenti in Valle d’Aosta

Valgrisenche, salita al Rifugio Bezzi tra montagne imponenti in Valle d’Aosta

Sulla vetta del Monte Cusna, il più alto del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano