Aspromonte: le cascate Maesano

20 maggio 2017 - 12:24

La fiumara dell’Amendolea è il trait d’union per scoprire due aspetti contrastanti dell’Aspromonte: la delicata brezza delle marine e la mole imperiosa delle montagne.

Il paesaggio sorprendentemente legato all’acqua è attraversato da fiumare senza una vera e propria sorgente, con alvei che prossimi alla foce raggiungono dimensioni davvero notevoli, come il Melito, il Bonamico e soprattutto l’Amendolea. Quest’ultima nel suo scorrere verso la costa attraversa i meravigliosi boschi dell’Aspromonte alimentata dal Menta, oggi sbarrato da una grandiosa quanto inutile diga che doveva fornire acqua potabile alle case di Reggio Calabria. Dopo le belle cascate del Maesano nell’alta valle, seguono i meandri che s’insinuano tra i rilievi del massiccio più meridionale della penisola, per poi sfociare nel mar Jonio presso Condofuri, dove la fiumara alimenta di terra fertile la rigogliosa valle dell’Amendolea.

Parcheggiata l’auto presso la diga del torrente Menta (m 1370), si perde quota lungo la strada, inizialmente asfalta, che scende verso il rio. Si guada il corso d’acqua e si cammina in costa per poi scendere a destra nella penombra di boschetti di pini e faggi.

Si segue il lato idrografico sinistro del torrente che si trova più in basso. Ad un bivio si trascura la pista che sale a sinistra e si prosegue in discesa sulla destra, lungo il pendio dove sbuca il canyon tra le rocce e i grandi pini.

Il sentiero procede a mezza costa fino a raggiungere il belvedere sui tre salti d’acqua del Maesano.

Procedendo in discesa e prestando attenzione a dove si mettono i piedi, si raggiunge il greto del torrente per risalirlo sul lato idrografico destro e guadagnare la base del primo salto d’acqua. Prestate attenzione a non scivolare sulle rocce bagnate e non arrischiatevi ad arrampicare sulla prima cascata.

Piuttosto, azzardatevi a fare il bagno nello splendido laghetto verde smeraldo: l’acqua è decisamente fredda. Per il ritorno si segue lo stesso itinerario dell’andata.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Monte Cusna: il gigante buono del Parco

La Pista ciclabile dell’Adige: Trento – Rovereto – Borghetto

Passeggiata al Lago di Braies