L’Oasi Naturalistica Barsento

20 maggio 2018 - 12:09

Il percorso parte dal piazzale antistante la piccola chiesa tricuspide di S. Maria di Barsento, a cui ancora oggi non si è riusciti ad assegnare la data di costruzione. E’ possibile posteggiare lungo il vialetto o nel piazzale adiacente alla chiesa.

Dopo una visita alla chiesa ripercorrere il vialetto e reimmettersi sulla Strada Vicinale Barsento a sinistra, percorrendola in discesa per 350 metri. Svoltare a destra e percorrere il largo sentiero in salita con fondo pietroso. Dopo poche decine di metri sulla sinistra è segnalata la Grotta del Sapone con la sigla PU349, dove ai tempi della Seconda Guerra Mondiale veniva prodotto il sapone.

Il percorso continua in salita e conduce a un piazzale molto ben attrezzato; qui si può visitare “La grotta della Madonna” referenziata PU350, legata a leggende e tradizioni locali. Si giunge ad un cancelletto che può essere aperto e ci si immerge in una stradina più stretta che taglia in due un ampio prato con possenti alberi di Roverella.

Proseguire lungo lo sterrato in un paesaggio di ulivi che porta alla strada asfaltata dove è presente sulla sinistra un gruppo di trulli in ottimo stato. A questo punto del percorso ritornare indietro per raggiungere di nuovo la chiesa barsentana.

 

Il nostro lettore Fabio Luperini ci segnala che i trulli che si incontrano lungo il percorso sono visibili solo dall’esterno, perché di recente sono stati acquistati e adibiti a residenza privata, la Chiesa Barsentana è invece attualmente in fase di restauro e quindi non sarà accessibile per qualche tempo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Il Cammino dei Briganti: un trekking ad anello tra Lazio e Abruzzo

Trekking alle Cinque Terre: il sentiero da Riomaggiore a Monterosso al Mare

Monte Cusna: la vetta più alto del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano