Dalla montagna alla valle

18 marzo 2020 - 0:23

Raggiunto Passo Vezzena (1402 m) con i mezzi, seguendo lo stesso percorso “verso il nido dell’aquila”, si sale sul Pizzo di Levico.

Dalla cima, continuando verso est e costeggiando il crinale indicato dal segnavia 205, che permette di superare cima Mandriolo (2049 m), si scende a Porta Manazzo, un’ampia insellatura a quota 1795 metri. Il sentiero segnavia 204, all’inizio molto ripido, scende veloce verso i boschi che avvolgono la Val di Sella.

Raggiunta la strada asfaltata nei pressi del bivio con indicazioni per la storica dimora estiva di Alcide De Gasperi, il grande statista che in questa valle trascorreva lunghi periodi di riposo, si scende verso nord-est in direzione di Borgo Valsugana.
 
L’ambiente di questa piccola valle è estremamente suggestivo, con un’alternanza di ampie radure prative, dover sorgono isolate villette, e tratti di bosco.

Arrivati seguendo la strada principale ad una placconata di rocce (indicazioni Palestra di roccia), una piacevole “scorciatoia” è rappresentata dal sentiero Don Cesare Refatti, che sulla destra scende fino al corso del torrente Moggio e costeggiandolo arriva fino a Olle, frazione di Borgo Valsugana.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Umbria: trekking lungo la Via del Vino Sagrantino a Montefalco

La Via degli Dei: in cammino tra Bologna e Firenze

Costiera Amalfitana: il Sentiero degli Dei