Emilia-Romagna, Pietra di Bismantova: l’anello del monte di Dante

Un massiccio di roccia che si erge sulle colline dell'Appennino Emiliano, impossibile da non vedere e da dimenticare. Citata da Dante nel quarto Canto del Purgatorio, secondo alcuni fu proprio questa Pietra a ispirargli l'idea del Monte del Purgatorio. Esploriamo la natura e la storia della Pietra con un trekking ad anello.

8 giugno 2021 - 12:13

La Pietra di Bismantova, il Monte del Purgatorio di Dante

Sacra, quasi magica, paragonata da Dante al monte del Purgatorio, la Pietra di Bismantova rappresenta una meta ideale per avvicinarsi alla montagna più vera, quella protetta e tutelata dal Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano.

Qui boschi selvaggi, creste rocciose, brughiere e praterie di alta quota si offrono per numerose attività outdoor.

Al Gir d’la Preda è un facile e appagante percorso circolare su strada asfaltata che attraversa borghi interessanti come Carnola, Vologno, Maro, Casale, Campolungo.

In dialetto emiliano Al Gir d’la Preda significa letteralmente “giro della Pietra” indicando appunto che l’itinerario ad anello fa il periplo della Pietra di Bismantova.

Il tracciato permette di vedere la rupe da tutte le angolazioni, lambendo campi agricoli, ruscelli e rade macchie di quercia.

Consente inoltre di fare molte deviazioni interessanti, dal punto di vista naturalistico e culturale.

Al Gir d’la Preda, il trekking ad anello del monte di Dante

La prima deviazione conduce alla base della Pietra di Bismantova, da dove parte un facile sentiero che porta alla sommità della rupe che domina la Valle del Secchia e dove lo sguardo spazia verso le cime più lontane, come il Cimone, il Cusna, il Ventasso e Alpe di Succiso.

Il tratto di Carnola-Vologno fa parte del percorso Il Cuore nel Parco, istituito dal Parco Nazionale in collaborazione con Ausi Reggio Emilia e l’associazione “Il cuore della montagna” per la riabilitazione dei pazienti cardiopatici.

Questo percorso, lungo 3,7 chilometri, inizia dopo aver oltrepassato l’incrocio tra Carnola e Ginepreto e segue la strada verso Vologno.

Lungo Al gir d’la Preda si transita di fronte alla latteria sociale di Carnola e una breve deviazione consente di arrivare all’azienda agrituristica “Il Ginepro”, Centro Visita del Parco.

Presso la Chiesa di Ginepreto s’incrocia il sentiero dedicato all’illustre scienziato Lazzaro Spallanzani che attraversa la provincia da Scandiano al crinale e San Pellegrino in Alpe.

Proseguendo il periplo della Pietra ci si immerge nel paesaggio agreste.

Incontriamo poi la bella Chiesa di San Prospero a Vologno, posta in perfetta posizione panoramica sui fianchi boscosi della Valle dei Gessi Triassici.

Nelle località di Maro e di Casale di Bismantova si possono effettuare delle soste presso le rispettive latterie sociali.

Superato l’abitato di Campolungo si rientra a Castelnovo ne’ Monti passando per la sua bella pieve.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

La Via degli Dei: in cammino tra Bologna e Firenze

Sulla vetta del Monte Cusna, il più alto del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano

L’Anello di San Pellegrino in Alpe: trekking sul crinale tra Emilia e Toscana