Il giro delle malghe

18 marzo 2020 - 0:23

Da Passo Rolle, in breve si raggiunge la Baita Segantini (2170 m), una delle zone più famose delle Dolomiti da dove si ha una superba visione del Cimone e della Vezzana le cime più alte delle Pale di S. Martino.

Si scende lungo la strada sterrata (o scorciatoie), fino al Pian della Vezzana, che si attraversa sempre sulla sterrata (o scorciatoie) fino al bivio a destra per forcella Venegia (sentiero 740).

Raggiunta la Malga Venegiotta (1824 m), si perde quota lungo il pascolo, attraversando quindi il torrente Travignolo e risalendo il versante opposto in direzione Malga Juribello.

Lungo il sentiero, chiamato “di San Giovanni “, si attraversa la parte alta della foresta del Paneveggio (famosa per il legno d’abete utilizzato dai liutai), dove frequentemente si nota la presenza di cervi e di caprioli, per uscire poi sui pascoli di malga Juribello, ai piedi del Castelaz. Una breve discesa fino alla malga per poi tornare sul nostro percorso che si concluderà al Passo Rolle.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Il Rocciamelone: al cospetto del Re delle Alpi

Via di Linari: un cammino medievale di 100 km tra Emilia e Toscana

Siena, il Grande Anello: trekking tra le colline del chianti