Le Ripalte: Capoliveri – Fattoria delle Ripalte – Capoliveri

18 marzo 2020 - 9:40

Il percorso sovrasta le vecchie miniere oggi
abbandonate (Punta Calamita, a circa sei chilometri dalla partenza) dove, in
passato, si scavavano ferro e magnetite.

Proseguendo, in lieve salita, si giunge alla Fattoria delle Ripalte. Da qui, si
possono prendere due diverse direzioni: (percorso A) superando i cancelli di
proprietà privata e demaniale si imbocca una strada sterrata che in discesa
porta verso la località Calagrande. Questo tragitto si sviluppa in una zona
ricca di rigogliosa vegetazione offrendo un piacevole panorama del versante
nord orientale dell’isola con le sottostanti insenature di Stagnone e Cala
Nuova.

Una volta arrivati presso località Calagrande ci si immette su di una strada
asfaltata che salendo leggermente riconduce a Capoliveri.

Dalla Fattoria delle Ripalte, prendendo invece a sinistra , dopo un breve
tratto asfaltato, si può imboccare il sentiero n. 70 (percorso B) e pedalare
attraverso i boschi di Pino domestico e Pino marittimo, le mimose e le acacie,
mentre si possono incontrare lepri e fagiani.

Percorrendo il sentiero n. 70 che costeggia l’altro lato di Monte Calamita, la
vista scende sul tratto di costa che da Porto Azzurro va a Punta delle
Cannelle, per Forte Focardo e Forte San Giacomo, sede della casa di pena,
fortezza spagnola del XVII sec. Proseguendo, giunti in prossimità del Radio
Faro dell’Aeronautica Militare si percorre in discesa una cessa spartifuoco che
si va ad incanalare in una discesa abbastanza ripida con fondo in cemento che
porta a Capoliveri, davanti alla Piazza del Comune.



Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valle d’Aosta selvaggia: trekking al Lago di Lolair in Valgrisenche

Santa Severa: trekking sul mare etrusco alla scoperta dell’antica Pyrgi

Ciclabile “Sulle tracce degli Etruschi”: dall’Adriatico al Tirreno sulle tracce dell’antica civiltà