Monviso: sulla cima del re di pietra per la Via Normale

Il Monviso si può salire grazie ad una delle vie normali più importanti delle Alpi, per il fascino di questa montagna che domina la pianura

20 maggio 2020 - 20:29

La salita al Monviso, anche dal suo versante più facile, la cresta Sud, è un itinerario alpinistico con numerosi passaggi in arrampicata di II grado e qualche passaggio di III; è pertanto raccomandato solo a escursionisti con grande esperienza e qualche capacità in arrampicata.

Anche se fattibile in giornata, è consigliabile spezzare la salita in due parti con pernottamento al rifugio Quintino Sella – ricordarsi di prenotare, in estate è molto affollato.

In alternativa c’è il bivacco Andreotti, a 3225 metri di quota.

È una delle vie normali più importanti e frequentate delle Alpi, sia per il suo valore storico (si dice che l’idea di fondare il Club Alpino Italiano sia venuta al ministro Quintino Sella proprio durante questa salita nel 1863) che per il fascino di questa montagna che domina la pianura padana.

Descrizione: dal Pian del Re si segue il sentiero che in 2.30 ore porta al Quintino Sella a quota 2640; da lì si sale verso il Passo delle Sagnette, con tratti esposti attrezzati con catene nella parte alta. dal passo, si piega a destra in leggera discesa per poi risalire per morena e sfasciumi fino al Bivacco Andreotti (m 3225), da dove inizia la via di salita vera e propria, segnata con evidenti bolli di vernice gialla.

Salire sul piccolo nevaio Sella, quindi a sinistra su una cengia, quindi rocce facili e un pilastro, un camino e una guglia, detto Duomo di Milano.

Verso quota 3600 c’è un passaggio chiave, un camino da arrampicare, detto Fornei o Fornelli. Quindi salire verso una spalla nevosa da attraversare con attenzione, da dove un ripido ed esposto canale porta alla cresta finale e quindi alla vetta.

Da non sottovalutare la discesa, anche per la sua lunghezza, soprattutto se cambiano le condizioni del tempo, cosa che succede spesso nei pomeriggi estivi in valle Po.

Note: necessari casco, imbrago, corda, qualche cordino e moschettone; a inizio stagione può essere necessario utilizzare ramponi e piccozza

Punti di appoggio: Rifugio Quintino Sella (m 2640) / proprietà CAI / 83 posti letto

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Monte Cusna: il gigante buono del Parco

La Pista ciclabile dell’Adige: Trento – Rovereto – Borghetto

Passeggiata al Lago di Braies