Nel cuore degli altipiani

18 marzo 2020 - 0:23

Il Rif. Stella d’Italia (Tel. 0464.721374), si raggiunge con una agevole mulattiera da Costa di Folgaria, oppure grazie agli impianti di risalita dei Francolini.

A est si scende lungo le piste dell’Ortesino. Raggiunta la strada asfaltata che porta verso i Fiorentini, la si segue fino alla prima grande curva, che con un ampio tornante si porta sul lato opposto della valle. Qui si imbocca la mulattiera sterrata in direzione sud-est – contrassegnata dalla colomba della pace e dal logo TF che identifica il Trekking dei Forti – che risale la magnifica Valle Orsara e poi la Valle Fredda, a una quota media intorno ai 1500 metri.

La strada sterrata incrocia poi il sentiero E5, che proviene direttamente dal monte Maggio, e poco dopo raggiunge le geometriche rovine dell’antico ospedale militare, nascosto in un suggestivo bosco di abeti. Più avanti si raggiunge la leggendaria Scala dell’Imperatore, una lunga scalinata di pietra che scende fino alla strada asfaltata proveniente da Passo Sommo.

Sull’altro lato, un breve e ripida salita sui prati porta al forte Cherle (1420 m), maestosa piazzaforte che domina la Valdastico.

Tornati indietro fino al piazzale antistante la Scala dell’Imperatore, sempre seguendo le indicazioni della colomba e il logo TF, si imbocca verso ovest un sentiero che tra i boschi digrada senza eccessive pendenza fino alla frazione di Cueli (1102 m).

Costeggiando poi il primo tratto del fiume Astico, si giunge all’abitato di Carbonare (1076 m).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Toscana, Valdelsa: trekking da San Gimignano a Castelvecchio, tra natura e storia

Piemonte, trekking nel Monferrato: Borgomale tra i colori e sapori d’autunno

Trentino, Stelvio Val di Rabbi: trekking alla scalinata dei larici monumentali