Riale – Diga di Morasco

18 marzo 2020 - 9:42

Lasciare l’automobile prima di giungere alle baite di Riale e raggiungerle a piedi. Una volta superato questo paesino ed aver ammirato la sua chiesetta leggermente rialzata e dal color giallastro, la diga di Morasco sarà già facilmente visibile. Continuare quindi lungo il tragitto per circa 20 minuti fino a raggiungere il lago di Morasco, dove è posizionata una bacheca concernente il Sentiero Energia e Natura ENEL; proseguire lungo l’ampio percorso sul lato nord. Si giunge ad una sorta di diramazione del bacino. La si percorre per intero e dopo aver attraversato alcuni ruscelli si incontra la centrale idroelettrica in caverna. Il resto del giro del lago avviene lungo un sentiero minore che si distende in una natura più aperta; lungo questo tratto (costeggiato da una carrozzabile parallela) si interseca l’immissario del bacino e si arriva successivamente all’estremità opposta della diga. Da qui si riscende la strada che conduce nuovamente a Riale.
L’itinerario descritto prevede di parcheggiare l’auto prima di giungere al paese di Riale in modo tale da percorrere l’intero giro del lago nel rispetto dei principi del trekking. In realtà il bacino di Morasco può essere raggiunto tranquillamente in macchina, grazie alla buona strada asfaltata utilizzata soprattutto dagli operai ENEL che lavorano nella centrale.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Toscana, Valdelsa: trekking da San Gimignano a Castelvecchio, tra natura e storia

Piemonte, trekking nel Monferrato: Borgomale tra i colori e sapori d’autunno

Trentino, Stelvio Val di Rabbi: trekking alla scalinata dei larici monumentali