Europarc lancia una campagna europea di aiuto per le aree protette dell’Ucraina

La Federazione Europarc, che riunisce i parchi nazionali d'Europa, ha lanciato una campagna di sostegno per le aree protette dell'Ucraina. L'obiettivo è raccogliere fondi per aiutare il personale delle aree protette che ancora presidia i parchi ucraini

9 marzo 2022 - 11:21

L’obiettivo è chiedere alle aree protette d’Europa di stare unite e mostrare il sostegno per i parchi che, in questo momento, si trovano in difficoltà, impegnati nella protezione della loro natura, ma anche delle loro stesse famiglie.

Europarc sostiene l’iniziativa della Società zoologica di Francoforte (Fzs), per aiutare ad assicurare i beni di prima necessità alle aree protette ucraine.

Nell’appello di Europarc si legge:

“In questi tempi difficili per l’Ucraina e per l’intera umanità è nostra urgente preoccupazione lavorare insieme come Aree Protette in Europa e difendere le persone e i loro mezzi di sussistenza in Ucraina. Dopotutto, la natura non conosce confini. Per agire nel modo più rapido ed efficiente possibile, vogliamo unire le nostre reti e capacità e quindi ci uniamo all’appello della Società zoologica di Francoforte (FZS)”.

La Società Zoologica di Francoforte è attiva in Ucraina dal 2002 e collabora con quasi 20 Parchi nazionali e Riserve della Biosfera in Ucraina.

La maggior parte di queste aree protette si trova nei Carpazi e in Polesia, che sono due delle aree naturalistiche e culturali più importanti dell’Europa centrale.

I Carpazi è sono stati dichiarati dall’Unesco patrimonio naturale mondiale dell’umanità, questo riconoscimento è dovuto alla presenza su quel territorio delle antiche foreste di faggi e delle foreste di faggi primordiali dei Carpazi-

La Polesia, nell’Ucraina nord-occidentale, ospita uno dei più grandi paesaggi naturali delle pianure alluvionali fluviali del continente, che si estende anche attraverso parti di Polonia, Bielorussia e Russia.

Negli ultimi giorni, la FZS ha cercato di mettere in salvo i suoi partner e colleghi di progetto ucraini.

Alcuni di loro hanno già raggiunto la Polonia. Tuttavia, la maggior parte del personale delle aree protette ucraine è ancora sul posto e tutti stanno aiutando al meglio delle loro capacità.

La FZS li sta supportando per far fronte all’enorme sfida posta dal grande afflusso di persone, poiché molti ucraini stanno fuggendo dalle loro case nell’ovest del paese, in alcune parti della Polonia e dei Carpazi, in quanto queste regioni sono relativamente calme al momento.

Molti sfollati sono accolti proprio all’interno delle Aree Protette, comprese quelle dei paesi vicini (Polonia, Slovacchia e Romania).

La FZS mira a fornire alle aree protette in Polesia e nei Carpazi il supporto e le forniture di soccorso che sono urgenti, come ad esempio:

  • Sacchi a pelo e materassini,
  • attrezzature da campeggio,
  • torce elettriche,
  • riscaldatori

Altro obiettivo è fornire supporto per i costi operativi di base delle aree protette: carburante, riscaldamento, stipendi.

Per fornire questi beni di soccorso, la FZS raccoglie donazioni e successivamente organizza trasporti di materiali in Ucraina derivanti da queste donazioni.

Europarc fa dunque appello a tutte le aree protette in Europa di unirsi e chiedere donazioni nelle loro regioni allo scopo di sostenere il personale aiutante e i rifugiati nelle Aree Protette dell’Ucraina.

Questi gli estremi del conto per le donazioni, con la causale “Sostegno di emergenza per le Aree Protette dei Carpazi”:

  • IBAN: DE63 5005 0201 0000 0800 02
  • BIC: HELADEF 1822

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dolomiti del Brenta: riapre il Rifugio Maria e Alberto ai Brentei

Dolomiti: arriva il Bike e Music Festival in Paganella

Suoni delle Dolomiti: torna la musica sulle montagne più belle del mondo