Frigento: il balcone dell’Irpinia

18 marzo 2020 - 17:46

Sostare sull’ampio crinale dove è adagiato il paese di Frigento, a 911 metri di quota, è proprio come affacciarsi a un balcone. O forse è come spiare fra i merli di una torre di guardia… La vista corre lontano, oltre le colline, fino ai monti del Taburno e a quelli del Matese. Poi ancora avanti (140 km in linea d’aria), arrivando alla gobba azzurra della Maiella.

Il paese è alle spalle, al riparo. Si può guardare mezza Italia senza essere visti. Forse è per questo che i primi popoli campani si insediarono proprio qui, per non andarsene mai più. C’è il sentore di questa storia antichissima fra i vicoli di Frigento.

Certo, i palazzi e le case d’intorno sono quelli del ‘700, ma le loro fondamenta poggiano su mura più antiche, rovinate nel disastroso terremoto del 1732. Sotto altre pietre, altri terremoti, altre ricostruzioni, giù, fino al medioevo, all’epoca romana, al neolitico. Una storia raccontata dalla bella mostra archeologica permanente, allestita dalla Soprintendenza e dal Comune al piano terra del Palazzo De Leo.

È, però, camminando che si può assaporare a pieno il fascino di questo piccolo gioiello dell’Irpinia, toccando, attraverso le vie del centro storico, le tante chiese testimoni dei passati fasti vescovili (S. Marciano, la Chiesa del Purgatorio, la Chiesa Madre, la Chiesa di S. Pietro), per poi raggiungere la bella panoramica Limiti, accesso al Parco Urbano di interesse regionale “Panorami”, istituito nel 2008.

Il parco si estende sul lato nord e nord-est del monte su cui sorge il paese e include la sommità caratterizzata dal centro storico e l’intera area boschiva delle località Costone, Pietraliscia e Castagneto, ricche di tante varietà vegetali e animali.

La panoramica è il punto di partenza di diversi percorsi escursionistici che attraversano queste zone di grande bellezza paesaggistica, recuperati e valorizzati negli ultimi anni anche con il posizionamento di attrezzi per esercizi fisici in legno e aree picnic. Presso una di queste ci sono dei gradoni in pietra per camminare il panorama e per ospitare piccoli spettacoli.

Informazioni:

www.prolocofrigentina.it

www.comune.frigento.av.it

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Salva il cuore blu dell’Europa: la campagna di Patagonia per proteggere i fiumi europei

Le Alpi: un ecosistema sempre più fragile e a rischio

Nuove misure restrittive: cosa si dice sul trekking e l’outdoor?