Trasimeno: itinerari e tradizioni a Castiglione sul Lago

18 marzo 2020 - 10:43

Il Trasimeno è senza dubbio una delle mete italiane più ricche di testimonianze storiche, artistiche, culturali, gastronomiche e naturalistiche, queste ultime rappresentate dal Parco Regionale del Trasimeno che occupa circa 13.200 ettari ricadenti nei comuni di Castiglione del Lago, Magione, Panicale, Passignano sul Trasimeno e Tuoro sul Trasimeno.
La gente del Trasimeno stando alla tradizione, conserva ancora quel forte senso estetico che contraddistinse i loro diretti discendenti, gli Etruschi, primi abitanti del luogo, che tentarono la regolazione delle acque del lago, seppur superati in seguito dai Romani, realizzatori del primo emissario, riadattato da Braccio da Montone nel 1420.

Già nel Quattrocento alcuni centri attorno al lago erano molto noti e vantavano una vita culturale ed economica di primo piano: maestri vetrai provenienti dal Veneto ed attratti dalla ricchezza di legname e d’acqua necessari per la loro attività trasformarono Piegaro in un interessante centro per la lavorazione del vetro, mentre altri ingegni artistici iniziavano il loro cammino verso la notorietà come Masolino da Panicale e Pietro Vannucci di Città della Pieve detto “Il Perugino”.

Otto comuni si dividono, dunque, questo territorio che ha vissuto il dramma delle legioni romane di Flaminio distrutte dalle armi di Annibale, della passione della ninfa Agilla per il principe Trasimeno, del sangue etrusco mischiato con quello romano.

Castiglione del Lago doveva essere un’isola.

Come lo era in epoca romana.  Riunita alla terraferma nel 1550, Castiglione del Lago divenne, sotto la signoria dei Della Corgna, l’unico borgo del Trasimeno capace di garantirsi un’autonomia rispetto a Perugia, grazie anche alla benedizione di Giulio III.

Il turista che si avventurasse per le stradine del centro storico di Castiglione avrebbe un bel da fare a districarsi tra le meraviglie offerte dalle decine di caratteristici negozi: qui è un rito perfino comprare il pane e un grande piacere essere accolti dall’eccezionale gentilezza di negozianti, gestori di bar, ristoranti e cantine.

C’è il pericolo che, ad esempio, entrando in una panetteria per acquistare un panino, si esca con una trentina di bustoni di torte varie, tozzetti e vin santo, stinchetti, torcoli, ciambelle all’anice, crostini…

Appunti di viaggio:

COME ARRIVARE
In auto: autostrada A1, uscita Valdichiana per chi proviene da Nord, uscita Chiusi-Chianciano Terme per chi proviene da Sud.
In treno: ferrovia Milano-Firenze-Roma stazione di Castiglione del Lago, oppure di Chiusi-Chianciano Terme e di Terontola, con successivo collegamento automobilistico. Ferrovia Ancona-Foligno-Terontola, stazioni di Magione, Passignano sul Trasimeno e Tuoro sul Trasimeno.
In aereo: Aeroporto Internazionale dell’Umbria – S. Egidio – Perugia, tel. 075.592141

INDIRIZZI E NUMERI UTILI
Servizio Turistico Territoriale del Trasimeno – S.T.T.T.: tel. 075.9652484
Consorzio UmbriaSì: tel. 075.5058792
Comunità Montana “Monti del Trasimeno”: tel. 075582941
Parco del Lago Trasimeno: tel. 075.828059
Museo della pesca del Lago Trasimeno: tel. 075.8479261

NOTIZIE ON LINE
www.lagotrasimeno.it
www.montitrasimeno.umbria.it
www.umbriaparchi.it
www.umbriasi.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Governo, nuovo Decreto: divieto di sposamento tra Regioni fino al 27 Marzo

Apuane, i sentieri del marmo e di Michelangelo

L’Alleanza per la Mobilità Dolce: 7 proposte per la mobilità dolce e il turismo sostenibile