Trentino e i castelli medievali: immergersi nella vita di una volta

Nel Medioevo in tutto il territorio europeo sorgevano castelli, che svolgevano il ruolo di dimore dei Signori e fortezze per difendersi dai nemici. Si trovavano principalmente in terre di passaggio e il Trentino, al confine tra Italia e Austria, ha visto costruire sulle proprie colline e montagne numerose strutture fortificate, ancora oggi visitabili

27 aprile 2022 - 15:54

Queste gite culturali uniscono piacevoli passeggiate nella natura a visite dal carattere storico, che ci permettono di conoscere un po’ meglio la vita che si svolgeva in questi luoghi ai tempi del Medioevo.

Castel Thun, uno dei castelli medievali più belli del nord Italia, dà la possibilità di immergersi in modo davvero autentico nell’atmosfera storica, grazie agli arredi e al mobilio conservati benissimo, quasi intatti e comunque molto fedeli agli originali.

Dimora della famiglia Tono che per secoli regnò nella vallata, visitare questo castello significa darsi la possibilità di comprendere le abitudini dei signori regnanti, della loro famiglia e anche dei sudditi.

Si trova in Val di Non e sorge su una collina fra i meleti. Dopo una facile passeggiata in salita di circa dieci/quindici minuti si potrà camminare per le sale e permettere all’immaginazione di spiccare il volo.

A guardia della Valle dell’Adige si trova la più grande fortezza della regione: Castel Beseno.

Questo castello è posizionato su una collina con alte mura di cinta, sulle quali è possibile camminare, oltre che effettuare passeggiate fra i giardini e le innumerevoli sale.

Al suo interno, nelle sale al pian terreno, si possono ammirare copie di armi, armamenti come corazze, elmi, caschi e maglie di ferro che i visitatori hanno la possibilità di indossare. L’esperienza offerta da questa visita ha l’obiettivo di restituire ai turisti la sensazione provata da una guarnigione militare nel XV secolo.

Sul suo terreno si scontrarono diverse truppe e rimase un’importante struttura fortificata della zona per molti secoli.

Il suo uso a scopi prettamente difensivi e una storia collegata a combattimenti permettono ai visitatori di immaginare un’altra sfera di caratteristiche e funzioni che i castelli ricoprivano.

Le visite ai castelli medievali in Trentino ci parlano del passato, della storia del nostro territorio, di un modo di vivere che è mutato nei secoli. Il tipo di società di quel periodo storico, con le sue strutture e regole, risulta spesso difficile da comprendere solo attraverso lo studio scolastico.

È per questo che le immagini regalateci delle esperienze vissute durante le visite ai castelli possono essere ampliate e precisate attraverso la tecnologia.

Nel mondo dell’intrattenimento, in particolare nei film e nei videogiochi, castelli e fortezze sono spesso presenti in vicende di guerra più o meno realistiche, storie di padroni e servi e di invasioni nemiche. Grafiche, effetti sonori, giochi strategici di qualità creano forti presupposti per immergersi in nuovi mondi.

Grazie a piattaforme come Plarium è possibile scaricare giochi gratis, anche di carattere storico e medievale, con i quali fare ulteriore esperienza di queste ambientazioni, con qualche aggiunta di carattere fantastico in alcuni di essi.

Giochi come ‘Stromfall: Age of War’ o ‘Stormfall: Rise of Balur’ ricreano scenari di guerra nei quali i castelli assumono un ruolo centrale.

Dopo una camminata nella natura alla scoperta dei luoghi simbolo del Medioevo, immergersi nel mondo virtuale dei videogiochi ti farà provare la sensazione unica di vivere nel Medioevo!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dolomiti del Brenta: riapre il Rifugio Maria e Alberto ai Brentei

Dolomiti: arriva il Bike e Music Festival in Paganella

Suoni delle Dolomiti: torna la musica sulle montagne più belle del mondo