India: l’Himalaya si vede da città distanti oltre 100 km

27 aprile 2020 - 13:58

Praticamente tutti gli Stati del mondo si sono fermati per contrastare la diffusione del Coronavirus. Tra questi anche l’India, uno tra i paesi più grandi, popolosi e inquinati al mondo.

Un paese composto da 29 stati federati e che negli ultimi anni è diventato uno dei poli industriali del pianeta. Gli Stati più settentrionali si trovano non distanti dalle vette dell’Himalaya, ma solo gli abitanti più anziani di quest’area ricordano di aver visto ad occhio nudo l’imponente catena montuosa.

 

Il c.d. Lockdown, ovvero il blocco delle attività produttive, ha abbattuto i livelli di inquinamento in gran parte del pianeta, e anche nella inquinatissima India. Questo ha permesso a molti abitanti dello stato del Punjab, nel nord dell’India, di vedere ad occhio nudo le vette dell’Himalaya, per la prima volta dopo molti anni.

I massicci Himalayani si trovano a più di 100 miglia di distanza, ma grazie alla riduzione dell’inquinamento atmosferico causato dal blocco delle attività produttive, il cielo è tornato sufficientemente limpido per mostrare questo spettacolo, assolutamente nuovo per gran parte delle persone.

Gli abitanti della città di Jalandhar e delle aree circostanti hanno pubblicato sui social media centinaia di foto a testimonianza dell’evento, anche i più anziani affermando di non aver più visto queste montagne ormai da decenni.

 

Con il blocco delle attività industriali e dei traffici commerciali in gran parte del pianeta, la natura sta tornando protagonista, riprendendosi i suoi spazi e mostrando spettacoli nascosti da anni.

Non solo in India, ma anche nel nostro paese abbiamo assistito ad eventi straordinari: delfini che nuotano nei porto, lepri nei parchi urbani, anatre nella laguna di Venezia e tanti altri manifestazioni della Natura che avanza.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

La condanna dell’orso: convivere con i grandi predatori

È tempo di riprogettare l’economia della montagna

I Sindaci di tutto il mondo uniti per una ricostruzione sostenibile