I benefici del camminare, un passo per vivere meglio

Una società che cammina sempre meno non rischia solo un incremento dei problemi legati alla sedentarietà ma anche un'impoverimento delle relazioni sociali. Uno stile di vita attivo è alla base del benessere psicofisico della società

25 gennaio 2023 - 2:23

Perché dobbiamo camminare di più?

Negli ultimi decenni l’uomo occidentale ha radicalmente cambiato le proprie abitudini di vita quotidiana, diventando sempre più auto-mobile e meno mobile.

“Chi ha inventato la scala mobile? Gradini che si muovono. Poi si parla di pazzi. Gente che va su e giù per le scale mobili, negli ascensori, che guida automobili, le porte dei garage che si aprono schiacciando un pulsante. Poi vanno in palestra per smaltire il grasso. Fra quattromila anni non avremo più le gambe, strisceremo direttamente sul culo, o forse rotoleremo come matasse di rovi.”

Charles Bukowski – Il capitano è fuori a pranzo

La nostra società cammina poco!

Gran parte delle popolazioni occidentali negli ultimi decenni hanno ridotto drasticamente le distanze percorse a piedi quotidianamente.

Con lo sviluppo e l’evoluzione del costume sociale siamo andati incontro ad una meccanizzazione di ogni abitudine di vita.

Oramai utilizziamo l’automobile anche per i più piccoli spostamenti urbani, ascensori e scale mobili per evitare le scale, salvo poi andare in palestra per tentare di recuperare la forma.

 

Una questione sociale e culturale

La questione è prima di tutto culturale e, solo dopo, medica, perché stiamo stiamo perdendo identità e buone abitudini, stiamo eliminando esperienze, interazioni e confronti, in definitiva stiamo perdendo la nostra vita.

Lo slogan delle testata TREKKING&Outdoor è “camminare per conoscere”, ciò significa che ogni nostro articolo, da vent’anni a questa parte, è scritto con lo scopo di dare uno spunto per prendere uno zaino, uscire e camminare alla scoperta del bosco dietro casa, del centro storico della città o… del sud America.

Non è tanto importante dove, ma conta solo che camminare con spirito di scoperta e conoscenza.

É importante connettersi con l’ambiente circostante, guardare la strada o il sentiero con la volontà di comprendere quello che ci circonda.

Il vero problema è l’uomo, non la tecnologia che sviluppa, il problema è l’assolutismo col quale ci appropriamo di un’innovazione, facendoci possedere da essa anziché utilizzarla.

I primi anni 2000 hanno visto uno enorme sviluppo delle innovazioni comunicative e, come già accaduto con l’automobile, ci siamo fatti dominare dall’evoluzione distorcendo la sua funzione.

Tutti gli strumenti sociali, dai network alle app per ordinare la cena e fare la spesa, possono facilitarci la vita ma, se non impariamo a prendere le giuste misure, rischiano di sopraffarci.

Gli anni ’90  hanno visto il dominio dell’automobile, utilizzata per ogni piccolo spostamento, come fare la spesa o andare a trovare un amico che abita a pochi isolati.

Gli effetti di questa assenza di movimento sono ben presto diventati medici.

Nei figli di questa generazione sono cresciute in modo esponenziale patologie come l’obesità, il diabete, il colesterolo e scompensi all’apparato cardiovascolare.

Tutti problemi che hanno una radice comune: la sedentarietà.

 

Muovere il corpo e la mente

In questi ultimi anni invece il progresso rischia di lasciare immobilizzato qualcosa di ancora più prezioso, ovvero la nostra mente.

Se è vero che siamo quello che viviamo e incontriamo sul sentiero della vita, allora stiamo rischiando di diventare “niente”, perché tendiamo sempre più a vivere esperienze virtuali.

Anche in questo caso la responsabilità non è dell’innovazione in se stessa – sarebbe come dire che l’alcolismo è colpa del Brunello di Montalcino – ma dell’uso distorto che ne facciamo.

Le piattaforme social dovevano avere la funziona di (ri)mettere in contatto persone lontane. Ma l’effetto, volenti o nolenti, è stato spesso allontanare anche le persone vicine.

L’uomo è un animale sociale, la nostra mente forma i ricordi grazie ad un’infinita combinazione di fattori.

L’emozione che si scatena in un contatto, osservare i colori e ascoltare i rumori di un ambiente naturale e incontrare persone sono tutte esperienze necessarie al nostro benessere psicofisico.

Quindi aprite la porta di casa e uscite, camminate, scoprite e conoscete!

Perché se i figli degli anni ’80 e ’90 hanno dovuto combattere col sovrappeso e la sedentarietà, i figli degli anni 2000 rischiano di dover combattere con l’assenza di umanità e socialità.

 

I benefici psicologici del camminare:

  • Stimola la produzione di endorfine
  • Abbassa l’ansia
  • Riduce i vissuti depressivi
  • Aiuta a controllare la respirazione
  •  Diminuisce la stanchezza
  • Aumenta il livello di energia
  • Migliora le capacità cognitive come attenzione, concentrazione e memoria
  • Induce a stati di rilassamento muscolare più profondo
  • Migliora la qualità del sonno

 

I benefici fisici del camminare:

  • Previene problemi cardio-vascolari
  • Controlla l’ipertensione
  • Controlla l’obesità
  • Migliora le condizioni di dolore cronico
  • Migliora le condizioni di artrite
  • Migliora la circolazione sanguigna
  • Migliora la digestione e il metabolismo

 

Leggi altri articoli sulla salute e il benessere:

 

Seguici sui nostri canali social! 

Instagram –  Facebook – Telegram

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Città italiane: è necessario ripensare la mobilità per il bene di tutti

Camminare per vivere meglio e risparmiare soldi

Montagna per gli over 65: i 10 consigli degli esperti per evitare incidenti