Dall’Alpe Cheggio al Passo della Forcola

20 maggio 2018 - 19:42

Gita panoramica sulle montagne della Valle Antrona e sulle catene spartiacque con la Svizzera, la Val di Bognanco e la Valle Anzasca. Suggestivi alcuni larici secolari ben visibili lungo il percorso.

Dal paesino di Cheggio, ci si dirige verso la diga del Lago Cavalli. Raggiunta la sommità della diga la si attraversa, per giungere sulla riva opposta del lago. Notevole la vista sulle cime che formano un anfiteatro di rocce, dalle quali spiccano il gruppo dell’Andolla e la vetta della Weissmiess, quattromila in territorio svizzero.

Si prosegue costeggiando il lago ghiacciato sino al cartello (visibile anche in inverno) che indica, verso sinistra, la direzione per la Forcola. Si sale in un bosco di larici sino al pianoro dell’Alpe Fraccia (m 1524), dove si toccano alcune baite, puntando ad altre costruzioni in pietra, per poi salire nuovamente nel bosco, con tratti ripidi, ma non difficili, sino ad un punto panoramico, in particolare sulla bianca superficie immobile del sottostante Lago Cavalli. Si sale ancora, senza problemi di orientamento, tra larici imponenti, per giungere alle baite dell’Alpe Curtvello (m 1756). Si continua salendo dietro le strutture dell’alpe, sino ad una conca, ove si prosegue verso sinistra sino alla sommità del pendio. Ancora pochi passi e si arriva alle casere dell’Alpe della Forcola (m 1914).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Monte Cusna: il gigante buono del Parco

La Pista ciclabile dell’Adige: Trento – Rovereto – Borghetto

Passeggiata al Lago di Braies