Abbigliamento a strati: base-layer, primo strato e intimo tecnico per il trekking

Il primo strato dell'abbigliamento di chi cammina per sentieri è fondamentale, perché è a contatto con la pelle e deve avere caratteristiche tecniche adeguate, per consentire il massimo comfort lungo i sentieri. Vediamo come scegliere i capi di Base-Layer e una selezione dei migliori del 2021.

17 agosto 2021 - 9:50

Il vestiario intimo, quello a contatto con la pelle (maglietta, slip ed eventualmente calzamaglia per i climi più freddi), costituisce il primo strato dell’ormai noto sistema “a cipolla”.

Il compito fondamentale dell’abbigliamento intimo tecnico, definito in gergo “base layer”, è quello di allontanare dal corpo il sudore prodotto durante l’attività fisica, convogliandolo verso gli strati successivi e da lì nell’ambiente esterno.

Parola d’ordine: traspirazione!

Questa “catena della traspirazione”, che ci consente di mantenere sotto controllo la temperatura corporea, è fondamentale per il nostro comfort e benessere.

Quando qualche anello della catena non fa il proprio dovere si generano sensazioni molto spiacevoli: avete presente l’effetto “pentola a pressione” durante la salita, quando siete talmente caldi che vi sembra di andare in ebollizione?

Oppure quel fastidioso brivido freddo e l’effetto bagnato e appiccicaticcio, che scattano non appena interrompete l’attività?

Come primo anello della catena il base layer svolge un compito essenziale: se qualcosa non funziona bene lì, siamo fritti… o bolliti, se preferite!

Facile quindi intuire le caratteristiche dei capi di abbigliamento intimo, che, prima di ogni altra cosa devono essere traspiranti e asciugare rapidamente.

Questo mette subito fuori gioco le classiche T-shirt e gli altri capi in cotone che, pur essendo comodi tendono a trattenere il sudore invece che convogliarlo verso l’esterno e impiegano parecchio tempo per asciugare.

 

Intimo sintetico: poliestere e polipropilene

La maggior parte dell’abbigliamento intimo viene oggi prodotto con le fibre sintetiche di poliestere, ideali per loro capacità di asciugare rapidamente e portare l’umidità verso l’esterno, ma che possono essere un terreno ideale per i batteri che causano i cattivi odori.

Oggi le aziende produttrici applicano diversi tipi di trattamenti antibatterici e anti-odore, ma dopo un utilizzo intensivo un po’ di odore è inevitabile.

Altra fibra molto utilizzata è il polipropilene, un prodotto di scarto del petrolio, apprezzato per la sua capacità di non assorbire l’umidità e per la leggerezza.

I produttori di intimo tecnico aggiungono spesso ai capi in poliestere e polipropilene una piccola quantità di fibre di elastan, che consentono al capo di avere l’elasticità necessaria per adattarsi alla fisionomia del corpo e ai movimenti che le diverse attività sportive richiedono.

 

Intimo naturale: lana merino

Per chi diffida del sintetico ci sono sul mercato anche base layer realizzati in fibre completamente naturali come la lana ricavata dalla tosatura delle pecore merino.

Questa lana è molto apprezzata per le sue caratteristiche di leggerezza, traspirabilità, regolazione termica e resistenza alla formazione dei batteri responsabili dei cattivi odori.

Come scegliere i propri capi base layer

Vediamo quali sono i fattori principali di cui tener conto nella scelta dell’abbigliamento intimo:

INTENSITÀ DELL’ATTIVITÀ FISICA – Ovviamente una passeggiata di poco più di un’ora su una stradina sterrata in collina richiede uno sforzo molto meno intenso rispetto risalita di un pendio di mille metri con uno zaino da 20 chili sulle spalle, quindi una diversa produzione di calore e sudorazione da parte del nostro corpo.

Se nel primo caso potremo accontentarci anche di una maglietta presa a caso dall’armadio, nel secondo sarà meglio scegliere un base layer tecnico, con elevate caratteristiche di traspirazione e rapida asciugatura.

CONDIZIONI CLIMATICHE – La traspirazione non è in realtà l’unica funzione che il base layer deve svolgere. Assieme al mid layer, infatti, l’intimo tecnico contribuisce, soprattutto nei climi più freddi, ad un’azione di isolamento termico, volta al mantenimento di una temperatura confortevole attorno al nostro corpo.

Quindi, se per l’attività estiva è preferibile indossare un intimo leggero, che esalti al massimo le caratteristiche di traspirabilità, per l’escursionismo invernale o per le gite in alta quota, è preferibile scegliere capi più “pesanti”.

Molto efficaci sono quei capi di abbigliamento che combinano zone di tessuto più leggero o più pesante a seconda delle diverse zone del corpo (ad esempio più leggero sulla schiena, dove appoggia lo zaino, per favorire la traspirazione e più pesante sulle braccia per la conservazione del calore).

ESIGENZE PERSONALI – Nella scelta dei capi intimi è necessario tenere conto anche delle proprie caratteristiche personali, come reazioni allergiche (la lana merino ad esempio non è un materiale anallergico) o sensibilità agli sfregamenti causati dalle tradizionali cuciture in rilievo (in commercio ci sono capi che utilizzano la tecnologia “seamless”, pensati proprio per evitare le possibili irritazioni da sfregamento).

 

E la maglietta di ricambio?

L’utilizzo di un base layer tecnico ha un riflesso positivo anche sul peso e sull’ingombro del materiale che dobbiamo mettere nello zaino per le nostre escursioni.

Con un buon intimo traspirante ci possiamo permettere di fare gite giornaliere senza portarci le classiche magliette di ricambio e, per trekking di più giorni, può essere sufficiente anche un solo ricambio (solitamente basta lavare la sera il capo utilizzato durante la giornata, per trovarlo già asciutto la mattina seguente).

I migliori capi di intimo tecnico e base layer del 2021

Avvertenza: presentiamo solo – tranne nel caso di Kari Traa data la sua originalità – l’intimo tecnico superiore, le t-shirt o magliette. Infatti per ogni capo intimo tecnico superiore potrete facilmente trovare in abbinamento anche il capo inferiore con le stesse caratteristiche.

 

Smartwool – Merino 250: Dagli esperti di base layer, 100% Merino

Da uno dei brand più noti nell’intimo tecnico, uno dei migliori prodotti del 2021.

In pregiata lana merino è caldo, super morbido sulla pelle, resiste all’umidità e non trattiene gli odori. Particolarmente indicato per le escursioni in ambienti a  basse temperature.

Disponibile su Amazon

 

Patagonia – Capilene Midweight Crew: Un sintetico che si fa rispettare

Leggero, traspirante, resistente e stink-free (scaccia cattivi odori), è tra i migliori base-layer sintetici. Versatile, è adatto ad ogni occasione, dallo sci all’arrampicata, dall’escursione giornaliera a quella più avventurosa.

Disponibile su Amazon

 

Odlo – Performance Light SUW: L’economico per tutte le tasche

Il primo strato ideale ed economico per il tuo sistema a cipolla, o utile da essere indossata da sola nelle calde giornate estive.

Il materiale è particolarmente elastico, allontana rapidamente l’umidità e si asciuga in un batter d’occhio, garantendo una temperatura corporea confortevole in qualsiasi condizione atmosferica.

Grazie all’uso di zone di ventilazione integrate senza cuciture, la traspirabilità è stata migliorata del 20% rispetto al modello precedente.

Disponibile su Amazon

 

Helly Hansen – Lifa Crew: La cura e la tradizione norvegese

Un prodotto di un altro brand, quello norvegese di HH, che da più di un secolo sforna prodotti innovativi ed affidabili.

In questo caso si tratta di un capo adatto per varie attività sportive, dallo sci, alla vela, e naturalmente al trekking, ma ottimo anche per l’uso quotidiano.

Grazie allo speciale tessuto in fibra Lifa al 100%, la maglietta è elasticizzata è traspirante, leggera e si asciuga rapidamente. Dotata di cuciture piatte, offre un elevato comfort e una vestibilità ottimale.

Disponibile su Amazon

 

Smartwool – Merino 150: Leggero per tutte le stagioni

Ancora Smartwool, ma in questo caso si tratta di un capo più leggero, ideale per escursioni primaverili e le fresche notti estive. Smartwool in questo caso aggiunge alla lana Merino un 13 % di nylon.

Ti sembrerà di indossare molto meno base layer, ma con lo stesso comfort,quando ne avrai bisogno.

Disponibile su Amazon

 

Kari Traa – Rose : Dalle donne per le donne, il capo tecnico e fashion

Un’altra azienda norvegese, fondata dall’olimpionica di free style che le dà il nome, il cui motto è “abbigliamento per donne fatto dalle donne“, che si fa vanto di produrre articoli non solo affidabili, ma anche fashion ed esclusivamente per donne.

Così è il caso del celebre Rose, questo capo 100% in lana Merino, che significa eccellente regolazione della temperatura, controllo degli odori e comfort sulla pelle.

Disponibile su Amazon

 

Black Diamond – Solution 150 Merino Base Crew: tecnologia all’avanguardia

La linea Solution Wool di Black Diamond si è affermata per la sua innovativa tecnologia NuYarn, che avvolgendo il nylon con fibre merino extrafini riesce a creare un capo, come questo, pparticolarmente resistente e che si asciuga molto rapidamente quando è bagnato, ideale per chi suda molto.

Disponibile su Amazon

 

Kari Traa – Rose Pants: design femminile dalla Norvegia

Ancora Kari Traa e ancora stile tutto femminile con questi pantaloni Rose in lana Merino super fine al 100% . Morbidi sulla pelle, traspiranti e naturalmente resistenti agli odori.

I pannelli laterali più sottili aumentano la traspirabilità e una cintura elastica mantiene i pantaloni comodamente in posizione.

Disponibile su Amazon

 

Salewa – Pedroc Hybrid 3 Dryton: sintetico e versatile

Realizzata in tessuto antiumidità riciclato Dry’ton, questa T-shirt tecnica da uomo mantiene la pelle più asciutta rispetto al cotone, garantisce maggiore comfort e protegge dal freddo eccessivo.

E se dovesse avvicinarsi un temporale, si asciuga anche molto rapidamente. Il tessuto ha ricevuto la certificazione bluesign®, che attesta il rispetto di rigidi criteri per l’uso efficiente delle risorse e la salvaguardia dell’ambiente.

Disponibile su Amazon

 

Ferrino – Weisshorn: per qualsiasi attività in montagna


Sintetica e performante, Weisshorn è la maglia a maniche lunghe adatta a ogni esigenza, con tessuto tecnico. Un primo strato ideale per qualsiasi attività aerobica in montagna. Disponibile anche in versione femminile.

Disponibile su Amazon

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Salewa: la nuova linea baselayer per ski mountaineering e alpinismo

Sette capi che l’escursionista non dovrebbe mai utilizzare

Zaini da trekking: quali sono i migliori e come sceglierli