Topo Trailventure: la scarpa per il trekking e lo speed hiking

4 agosto 2020 - 17:02

Abbiamo provato questa scarpa sui sentieri che salgono sul Monte Alpet, nelle alpi cuneesi, che si trova proprio sul confine tra le valli Corsaglia, Roburentello e Casotto.

I sentieri che abbiamo percorso sono perfetti per testare una scarpa che fa della versatilità una delle sue caratteristiche fondamentali.

Abbiamo camminato sui prati, su terra battuta, ma anche su pietraie e rocce, in tratti con diversi gradi di pendenza. La Trailventure è una scarpa dal design ricercato, bella da vedere e molto confortevole da indossare, una scarpa progettata per il trail e il trekking.

La struttura della scarpa è leggera, ma con un supporto robusto sulla caviglia, con una protezione del piede e trazione della suola tipiche però  di una scarpa da trekking per terreni impegnativi.

L’azienda statunitense nella progettazione di questo scarpone si è posta l’obiettivo di assicurare naturalezza del passo e semplicità di utilizzo, senza però trascurare la performance sui sentieri anche più difficili.

La superficie della zona dell’avampiede è ampia e il sistema della suola è spesso e solido, in questo modo la scarpa lascia più spazio alla zona delle dita dei piedi e ha ottime capacità di ammortizzazione degli urti e di protezione, anche su superfici accidentate.

Una volta indossato lo scarpone si rimane stupiti dallo spazio a disposizione del piede, questo però non pregiudica la stabilità, infatti la calzata del tallone è molto contenitiva, consentendo così di mantenere il piede fermo.

L’INTERSUOLA – L’intersuola in EVA combinata è a tre densità. La sezione laterale si presenta più morbida, permettendo un appoggio del tallone morbido e graduale, molto apprezzato nei tratti in discesa, ma anche nelle salite particolarmente dure.

Il lato mediale si presenta più rigido per garantire stabilità alla camminata, la piastra rock ESS assicura una sensazione avvolgente e di sicurezza nella camminata, nonché un’ottima protezione dagli urti su radici e rocce.

Infatti, anche durante la camminata sulla pietraia non ci sono state grosse difficoltà, il piede è rimasto ben protetto e la camminata stabile e sicura.

 

LA SUOLA – La suola è la Vibram XS Trek che assicura ottima trazione e presa anche sulle superfici più scivolose e, in particolare, sulle salite più intense.

I tacchetti sull’avampiede, piuttosto marcati, non fanno perdere aderenza anche su terreni scivolosi, in discesa sono le alette del tallone che permettono di non perdere presa sul terreno.

Il profilo laterale della suola è visibilmente curvato verso la punta così da accompagnare la rullata del tallone, dove il battistrada presenta una mescola più “tenera” posteriormente e sul lato esterno di appoggio.

 

IL SISTEMA DI CHIUSURA – Il sistema di chiusura Lace Lock System, permette di scegliere tra due differenti tensioni nell’area superiore e inferiore.

È composto da lacci e passa lacci in tessuto, ci sono inoltre quattro ganci superiori, quelli centrali sono dotati di un comodo sistema auto-bloccante che permette di regolare perfettamente la tensione dell’allacciatura.

La linguetta anteriore è collegata alla tomaia da un paio di soffietti che proteggono il piede da polvere e detriti, una volta aperti lasciano molto spazio per calzare la scarpa.

Il collare è in schiuma sagomata ed avvolge la caviglia e i malleoli, aderendo perfettamente anche nella parte posteriore, proteggendo il tendine di Achille e seguendo la forma anatomica sulla gamba.

Il test sul campo ha confermato l’ottima struttura costruttiva di questo scarpone, perfettamente supportato dalla suola Vibram. Il piede è sempre protetto da urti e sollecitazioni anche nei tratti di sentiero più duri o su fondi impegnativi come pietraie o rocce appuntite.

Lo scarpone ha un taglio mid, è quindi leggero ma comunque protettivo della caviglia, anche nei tratti in discesa, con le maggiori sollecitazioni, si è sempre al riparo da storte o movimenti pericolosi per il piede.

Quando si cammina in salita o in discesa, anche su terreni bagnati e scivolosi, la scarpa non perde mai aderenza, il piede all’interno rimane stabile e fermo nonostante l’ampio spazio per le dita, che si fa apprezzare dopo qualche ora di cammino, quando il piede tende a gonfiarsi.

Anche questa scarpa è dotata di plantare antimicrobico Ortholite, che contrasta la formazione di cattivi odori e lo sviluppo batteri e funghi.

Insomma una scarpa che mantiene le promesse, infatti è leggera e adatta per camminare anche in climi caldi, ma non sfigura nemmeno sui sentieri più impegnativi e in condizioni climatiche più impegnative.

La scheda tecnica dello scarpone è disponibile sul sito dell’azienda.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Scarponi da trekking per l’autunno e l’inverno: quali scegliere

Attrezzature e tecniche per le vie ferrate

Moncenisio: i sentieri della pace