La Ciclovia dei Fiori: lungo la riviera ligure da San Lorenzo a Ospedaletti

Una pista ciclabile a picco sul mare, circondata dai panorami della Riviera dei Fiori. È la ciclovia tra San Lorenzo al Mare e Ospedaletti, che oggi ha ridato una nuova vita all’antica ferrovia tra Imperia e Ventimiglia

25 marzo 2023 - 22:16

C’era un tempo una splendida ferrovia costiera che da Imperia correva lungo tutta la riviera ligure fino a Ventimiglia, il confine con la Francia e la Costa Azzurra.

Oggi quel treno corre in una lunga serie di gallerie – una tratta ben più veloce, sì, ma di gran lunga meno attraente per l’occhio del viaggiatore – e della vecchia linea ormai rimangono soltanto le gallerie scavate nella roccia.

Per fortuna, però, oggi si possono ancora ammirare i magnifici panorami che prima scorrevano fuori dal finestrino, a un’andatura ancora più lenta.

Sulla sede della ex-linea costiera tra San Lorenzo al Mare e Ospedaletti si snoda dal 2008 una pista ciclabile asfaltata che consente un viaggio a pedali panoramico direttamente affacciato sulle acque del Mar Ligure.

È chiamata “Ciclovia dei Fiori” – per il nome della Riviera che attraversa – ed è parte di un progetto che, in futuro, vorrebbe dotare la Liguria di ponente di una pista lunga 60 km.

In attesa che questo progetto ambizioso veda la luce, oggi si può percorrere il suo tratto mediano, che attraversa 8 comuni ed è completamente segnalato e ben mantenuto, per una lunghezza totale di circa 24 km.

Il fondo è sempre asfaltato e l’andamento pianeggiante, il che la rende adatta anche ai cicloturisti meno allenati.

Inoltre, è facilmente accessibile dai comuni attraversati, che diventano punti di sosta ideali per rifocillarsi o comprare un panino.

Parallelamente corre anche un percorso pedonale, e sono numerose le aree attrezzate con panchine e fontane.

 

Il tracciato della Ciclovia dei Fiori

Si parte da San Lorenzo al Mare, un piccolo borgo perfettamente incastonato tra le alture e la spiaggia, con piccole case color pastello a ricordo della sua tradizione legata alla pesca.

Imboccando subito una delle gallerie disseminate lungo il tracciato, si arriva presto ad Aregai di Cipressa, dove già si può ammirare uno degli scorci più tipici di questa zona.

In estate gli oleandri scoppiano di colori, circondati dall’agave e dai fichi d’india, mentre in lontananza si scorgono le alture lungo cui si infrange il mare ligure.

A Cipressa una deviazione in salita consente pure di arrampicarsi fino alla Torre Gallinaro: una antica fortezza cinquecentesca da cui si spalanca un bellissimo panorama.

Ritornando sulla costa, presto si giunge a Santo Stefano al Mare, con la sua chiesa parrocchiale affacciata sul lungomare.

Raggiunta la vecchia stazione, si continua verso Riva Ligure addentrandosi per un breve tratto tra le case a ridosso della costa, dopodiché si riguadagna la costa in direzione Arma di Taggia.

È un altro borgo, questo, che merita una sosta. Volgendo lo sguardo verso la montagna, si incontra poi Bussana Nuova, un altro piccolo paese costruito a ridosso del mare.

Una deviazione di circa 3 km – in salita – porta al paese vecchio di Bussana: nel 1887 l’antico borgo venne colpito e reso inagibile da un terremoto, che costrinse gli abitanti ad evacuare le proprie case.

Nel villaggio ormai in rovina, dagli anni ’60 alcuni artisti iniziarono ad occupare e restaurare le case abbandonate.

Da allora decine di artisti si sono trasferiti nel borgo antico, che sta vivendo una nuova vita.

Proseguendo ancora si arriva a Sanremo, cittadina che non ha bisogno di presentazioni.

Lungo la passeggiata dell’Imperatrice si costeggia la originale Chiesa Russa, poi si sfiorano i giardini Alfano e tutto il lungomare contornato dai suoi eleganti hotel.

Dopo aver oltrepassato la galleria di Capo Nero – che oggi è adornata con frasi e pannelli dedicati alla celebre corsa ciclistica Milano – Sanremo – si giunge a destinazione: Ospedaletti.

Ad accogliere i viaggiatori c’è la vecchia stazione, inconfondibile con il suo fabbricato FS che ricorda un’altra epoca.

Indicazioni pratiche

Per raggiungere la pista ciclabile è possibile utilizzare i treni regionali scendendo alle stazioni di Imperia, Sanremo o Arma di Taggia.

Lungo il tracciato sono presenti altresì servizi di noleggio bici e officine per la riparazione di emergenza. Il costo a giornata si aggira intorno ai 12 €.

 

Seguici sui nostri canali social! 

Instagram –  Facebook – Telegram

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Lazio, sorprendente Ciociaria: in bici nel verde da Serrone a Fontana Livio

Andare in bici sulle Dolomiti: le quattro migliori piste ciclabili per un viaggio outdoor

Romagna, inverno in bicicletta: 2 itinerari golosi tra gusto e natura