Kit primo soccorso: cosa portare durante un trekking

Quando si va in escursione si rivela essenziale avere prodotti di tipo medicale sempre con sé. Articoli in grado di dare un pronto sollievo in molteplici situazioni che mentre si cammina possono capitare

22 settembre 2022 - 8:30

Tra questi, non possono mancare dispositivi da applicare in caso di contusioni o cadute come Ematonil plus, realizzato in forma di gel e facile da applicare.

Se vi state domandando a cosa serve il gel Ematonil plus, vi informiamo che si tratta di una soluzione a base di Arnica, Escina e Bromelina: tutte componenti di origine naturali e capaci di dare sollievo immediato, evitando la comparsa di sintomi ulteriori proprio in situazioni quali cadute o contusioni.

Si tratta, del resto, di situazioni che possono capitare, sia in trekking di difficoltà medio-semplice, sia più impegnativi, nelle persone più allenate così come in quelle alle prime armi.

Un kit di primo soccorso efficace permette, quando ben congegnato, di fare la differenza.

Attenzione, non significa che bisogna portarsi letteralmente la farmacia dietro, quanto piuttosto i prodotti giusti: poco ingombranti e utili al 100%. In questo articolo vediamo quali.

 

Un kit per essere sempre pronti

Quando si cammina o si fanno pratiche sportive ancora più intensive, come l’hiking, la possibilità di infortunarsi è dietro l’angolo. Per questo avere un kit di primo soccorso già predisposto si rivela essenziale.

Prepararlo può sembrare semplice, ma in realtà si tratta di un’operazione che richiede particolare attenzione e cura, anche qualora si scegliesse un box già predisposto.

Il rischio, diversamente, è quello di trovarsi a disporre di prodotti che non servono o ad aver bisogno, al contrario, di altri che risultano assolutamente indispensabili.

Un elemento ancora più valido se l’escursione non è giornaliera ma si tratta di un viaggio che prevede più tappe, magari in alta quota o comunque lontane dai centri abitati.

 

Alcuni piccoli accorgimenti

È indispensabile avere sempre con sé i farmaci che si prendono abitualmente per motivi medici, ricordarlo non fa mai male. E controllare le date di scadenza ogni volta che si è in partenza.

La soluzione preferenziale è quella di fare una lista da avere sempre a portata di mano: potete farla cartacea così come direttamente sul cellulare, a seconda di quali sono le vostre abitudini.

Il luogo ottimale dove trovare il kit per il primo soccorso?

Le farmacie, naturalmente e in modo particolare quelle online, dove si è possibile ottenere tutto il necessario per partire tranquilli a fronte di prezzi più che mai accessibili, vista la presenza costante di offerte.

Fondamentale predisporre un gel disinfettante mani, in modo da poterle igienizzare subito prima di toccare altri strumenti o dispositivi, così come dei fazzoletti.

Oggetti che siamo abituati a portare sempre in borsa o nel marsupio nella quotidianità e che in occasione di un trekking servono ancora di più.

Meglio preferire, in ogni caso, soluzioni facili da utilizzare e non troppo ingombranti, dal formato non solo piccolo ma anche compatto. Ma entriamo più nel dettaglio!

 

I prodotti indispensabili nello zaino

Non è detto che i prodotti del kit primo soccorso debbano essere utilizzati: questo non vuol essere un articolo all’insegna dell’allarmismo, anzi, ma semplicemente che se piccoli imprevisti si verificassero sarà possibile affrontarli nel modo ottimale.

Gli articoli di tipo medicale che non possono mancare quando si va in escursione sono in formato sterile e monouso.

A cominciare dalle garze sterili, da preferire in confezione singola. Insieme a esse andranno aggiunte delle bende orlate di garza e un cerotto sotto forma di rotolo, oppure, in alternativa, dei cerotti di più formati e dimensioni.

Indispensabile avere un disinfettante con sé, come l’acqua ossigenata e/o prodotti tipo il betadine.

Non meno essenziali la pomata da utilizzare in caso di contusioni o cadute come Ematonil plus di cui vi abbiamo accennato all’inizio a cosa serve. Un prodotto in grado di contrastare contusioni ed edemi risanando e ripristinando la superficie cutanea.

Da portare nello zaino anche una crema per le punture di insetti o per le irritazioni derivanti dal contatto con piante urticanti, nonché il ghiaccio secco o istantaneo: molto utile in caso di piccole emorragie e traumi, nonché pratico e sicuro da utilizzare.

Infine, si rivelerà utile un integratore alimentare contenente sali minerali quali Potassio e Magnesio.

Questo saprà portare benefici immediati qualora subentrassero stati quali stanchezza, debolezza muscolare o crampi, condizioni che può aiutare persino a prevenire.

Conclusioni

È bene verificare, quando si scelgono soluzioni quali gli integratori o altri dispositivi come Ematonil plus, l’idoneità personale rispetto alle componenti presenti o a condizioni personali particolari, ad esempio gravidanza e allattamento.

In tal senso, prima dell’acquisto è buona abitudine consultare il foglio illustrativo disponibile anche online dello specifico prodotto.

Non meno essenziale prestare attenzione sia all’integrità della confezione con cui il singolo farmaco viene fornito, sia alla sua conservazione all’interno dello zaino, all’interno del quale è importante attuare una disposizione che tuteli dalla presenza di oggetti appuntiti o potenzialmente contundenti.

 

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sette capi che l’escursionista non dovrebbe mai utilizzare

Trekking sostenibile: camminare senza lasciare tracce

Trekking con il cane: andare sui sentieri con il migliore amico dell’uomo