Il kit di primo soccorso per il trekking e l’outdoor

Il kit di primo soccorso è una di quelle attrezzature da avere sempre nello zaino, anche per un trekking in giornata. Molti trekker però ne sottovalutano l'importanza, vi spieghiamo come scegliere quello adatto alle vostre esigenze

14 ottobre 2021 - 11:59

Chiunque si sia trovato in giro per i monti a dover anche soltanto tamponare una piccola ferita senza garze, bende o cerotti vi potrà testimoniare che la parola “indispensabile” non è usata a sproposito.

Già il fatto di trovarsi immersi nell’ambiente naturale, magari a qualche ora di cammino dalla “civiltà” è una ragione sufficiente a giustificare la necessità di portarsi appresso il kit.

A casa basta bussare alla porta del vicino o fare un salto in farmacia per recuperare un cerotto, in mezzo ai boschi la cosa può risultare un po’ più complicata.

A questo bisogna poi aggiungere altre caratteristiche tipiche dell’attività escursionistica, che possono aumentare il rischio di infortuni. Non si tratta di allarmismo: è ovvio che se rimango a casa seduto in poltrona è più difficile che mi capiti qualche guaio!

I “guai” per l’escursionista possono derivare da fattori ambientali come la quota, il caldo o il freddo, dall’affaticamento dovuto all’impegno psico-fisico, oppure da infortuni veri e propri come fratture, distorsioni, o ferite.

Il kit di primo soccorso da tenere nello zaino deve essere quindi calibrato tenendo conto di tutti questi possibili eventi.

Ovviamente, oltre agli strumenti, serve la capacità di saperli utilizzare, ciò significa che qualche nozione basilare di tecniche di primo soccorso dovrebbe far parte del bagaglio di esperienza di ogni escursionista (non serve una laurea in medicina, e in giro si possono trovare utilissimi corsi e manuali).

Il nostro kit medico da escursione dovrebbe essere contenuto in una custodia apposita, possibilmente impermeabile, morbida (per meglio adattarsi agli spazi dello zaino) e sistemata in una posizione facilmente raggiungibile.

Materiali e medicinali essenziali per il kit di primo soccorso:

  1. Garze sterili in confezione singola
  2. Bende orlate di garza
  3. Benda elastica (tipo Tensoplast o Raston)
  4. Rotolo di cerotto
  5. Cerotti di varie misure
  6. Cerotti per vesciche
  7. Cotone idrofilo
  8. Forbicine
  9. Pinzette
  10. Laccio emostatico
  11. Disinfettante (Betadine o similari)
  12. Pomata per punture di insetti e/o piante urticanti o crema antistaminica
  13. Pomata per contusioni
  14. Pomata per ustioni e scottature
  15. Farmaco antipiretico / antinfiammatorio per dolori muscolari, articolari o febbre (tipo Tachipirina)
  16. Farmaco antispastico per dolori addominali (tipo Buscopan)
  17. Acido acetilsalicilico (tipo Aspirina, utilissimo per prevenire forme leggere di male di montagna o per altri problemi legati alla quota o all’affaticamento, come difficoltà a prendere sonno, mal di testa o dolori vari)
  18. Farmaco antiemetico per nausee e vomito (tipo Plasil)
  19. Coperta isotermica di sopravvivenza (leggerissima, per nulla ingombrante ed essenziale per tenere caldo un infortunato in attesa dei soccorsi)
  20. Collirio (utile soprattutto per le irritazioni agli occhi causate dal riverbero della neve)
  21. Farmaco antidiarroico (tipo Dissenten, Imodium, ecc., utile soprattutto per escursioni di più giorni)
  22. Guanti in lattice

(NB: I nomi dei medicinali sopra citati sono riportati a puro titolo esemplificativo)

È molto importante valutare con buona frequenza la condizione di conservazione delle attrezzature inserite nel kit di primo soccorso e verificare in modo scrupoloso la scadenza dei farmaci.

Queste attenzioni, normali anche per l’armadietto dei farmaci di casa, debbono essere ancora più accurate per il kit che viene tenuto nello zaino ed è quindi soggetto a notevoli sollecitazioni e sbalzi di temperatura.

I medicinali vanno utilizzati seguendo scrupolosamente le indicazioni segnalate sugli appositi “bugiardini”.

L’elenco di materiali da medicazione e medicinali che abbiamo riportano non è certo esaustivo rispetto a tutte le situazioni di emergenza che si possono verificare.

Nella scelta di queste “attrezzature” (e delle quantità) ciascun trekker dovrà poi tenere conto delle proprie specifiche esigenze e delle caratteristiche dell’escursione che si appresta ad affrontare.

 

I migliori kit di pronto soccorso in vendita

Una buona base per comporre la propria dotazione personale di primo soccorso possono essere i kit appositamente pensati per escursionisti e alpinisti, in vendita anche nei negozi di articoli sportivi.

Si tratta di ottimi “punti di partenza” per avere a disposizione un buon contenitore e un minimo di materiali da medicazione, ma occorre tener presente che vanno integrati con i medicinali, ovviamente non presenti nella confezione.

 

Kit primo soccorso Aiesi

In kit molto completo, creato con una borsa in nylon di colore rosso con chiusura centrale a cerniera e maniglia per il trasporto, con tutti i presidi necessari per un primo intervento professionale.

Contiene tutto l’essenziali: 2 Paia di guanti sterili, 1 Acqua ossigenata da 250 ml, 5 Compresse di garza sterile 10×10 cm, 1 Compresse di garza sterile 18×40 cm, 1 Pinzetta per medicazione sterile, 1 Cotone idrofilo da 50 g, 1 Confezione di cerotti assortiti da 20 pz, 1 Rotolo di cerotto m 5×2,5 cm, 1 Benda di garza orlata m 5×10 cm, 1 Forbici per medicazioni autoclavabili 14,5 cm, 1 Laccio emostatico anallergico, 1 Ghiaccio istantaneo sacchetto pronto uso, 1 Termometro digitale, 1 Sacchetto per rifiuti sanitari .

_ Disponibile anche su Amazon:

 

Kit Th-some JAANY

Un kit fornito di ben 18 articoli di pronto soccorso e strumenti di sopravvivenza certificati CE, con tutto quello che occorre per eseguire le prime cure in caso di emergenza.

Le forniture di emergenza sono conservate in tasche a rete all’interno della custodia, c’è spazio a disposizione per poter personalizzare il kit e adattarlo alle esigenze specifiche del vostro trekking.

Le dimensioni sono ridotte e lo rendono adatto al trasporto nello zaino. La custodia è realizzata in materiale EVA e nylon di alta qualità impermeabile dotato di cerniera per un’agevole apertura.

Oltre al materiale di base, include anche impacchi di ghiaccio, pastiglie di alcol, una coperta isotermica, fasciature e bende.

_ Disponibile anche su Amazon:

 

Kit Traveler di Flexeo

Il kit di primo soccorso per l’outdoor di FLEXEO è progettato per le escursioni, le arrampicate o lo  sci.

Realizzato con una robusta custodia rigida che protegge dagli urti i materiali di medicazione, dotato di agganci per moschettoni, per poterlo agganciare anche allo zaino.

_ Disponibile anche su Amazon:

 

Kit SHBC per lo sport e l’outdoor

Questo è un kit di primo soccorso compatto di fascia alta, con custodia in EVA leggera, resistente agli urti e non deformabile.

La superficie in PU è liscia, impermeabile e facile da pulire. Ideale da trasportare nello zaino, contiene una selezione avanzata di forniture di emergenza, come coperte di pronto soccorso, forbici, fischietti, cerotti, bende, disinfettante e laccio emostatico.

_ Disponibile anche su Amazon:

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

I 5 migliori zaini Ferrino per l’autunno: la nuova linea 2021

Differenze tra scarpe da running e walking: scopriamole tutte

Salewa Ortles Couloir: l’innovativa scarpa da alpinismo da 725 grammi