Cuore di Pietra, il centro storico di Mesagne

20 maggio 2017 - 13:49

Nell’alto Salento, Mesagne rappresenta una tappa obbligata

Il Comune di Mesagne è caratterizzato dalla presenza di un centro storico dalle origini antiche e influenzato dalle tante culture di popoli che nei millenni si sono insediate nel paese pugliese.

Caratteristiche che si fondono tutte nel Castello Normanno Svevo e nelle vie limitrofe le quali racchiudono diversi aspetti storico-culturali: dall’insediamento messapico a quello romano passando per gli insediamenti rupestri; dall’impianto medievale del centro storico al pregio architettonico cinquecentesco passando per la modernità del barocco e di alcuni esempi ottonovecenteschi.

L’itinerario urbano permetterà una visita completa del centro storico di Mesagne, caratterizzato dalla particolare forma a “cuore” e da una struttura urbanistica compatta. Si parte dalla cinquecentesca e monumentale Porta Grande, principale testimonianza dell’antica cinta muraria, dalla quale si accede al nucleo storico. S’imbocca sulla destra Via Castello, nella quale si trovano i vecchi complessi cinquecenteschi dove oggi trovano spazio attività enogastronomiche e culturali, raggiungendo l’ingresso del Castello Normanno Svevo, il monumento più rappresentativo della città e che ospita il “Museo Ugo Granafei” con importanti reperti medievali, messapici e romani.

Il percorso all’interno del Castello, le cui origini si farebbero risalire al IX secolo, è un suggestivo viaggio fra storie e leggende. Accompagnati da guide esperte si apriranno le porte di una fortezza che conserva negli ambienti, negli affreschi e nelle bellissime porte dipinte con la tecnica del finto marmo, i segni di uno straordinario passato mentre le strette scale e gli ambienti sotterranei ci raccontano storie di combattimenti, di arcieri e soldati.

Dopo la visita al castello si procede verso la vicina cinquecentesca Piazza Orsini del Balzo, anticamente chiamata Piazza dei Principi, su cui si affacciano Palazzo Cavaliere e la chiesa di Sant’Anna, una delle più belle e armoniose chiese barocche del Salento. Attraverso un caratteristico e stretto passaggio si arriva in pochissimo tempo al sito archeologico di Vico Quercia. Qui importanti tracce archeologiche testimoniano la forte impronta lasciata dai Messapi. Continuando sulla via, si giunge alla Chiesa Matrice, di impianto barocco e ricca di pregevoli elementi artistici.

La chiesa si affaccia su piazza IV Novembre, chiamata anticamente Piazza Sedile o Piazza dei Nobili, testimone di importanti avvenimenti civili, religiosi e militari della Città. Sul lato opposto alla piazza del Sedile è situata la biblioteca comunale nel palazzo dell’Orologio risalente al 1867, con al suo interno oltre 30.000 volumi tra cui un incunabolo, ovvero uno dei primi esemplari di libro a stampa. In via Eugenio Santa Cesaria si può visitare il frantoio semi-ipogeo, testimonianza di quanto in passato fosse importante la produzione dell’olio.

All’interno si ammira un’antica macina alla calabrese, i resti di un torchio e un camino. Il frantoio oggi ospita un Info Point della Terra dei Messapi pensato come nodo della rete degli itinerari in cui ricevere informazioni e conoscere la cultura rurale del territorio. L’itinerario prosegue tra tipici vicoli e piazzette del centro storico giungendo a Porta Piccola, ultima tappa del nucleo antico prima di la chiesa barocca di Santa Maria in Betlem con accanto l’ex Convento dei Celestini, attuale palazzo di Città. Camminando lungo le mura esterne del centro storico si arriva in breve al Teatro Comunale, restaurato e funzionante ospita oggi numerose stagioni teatrali.

Quasi di fronte al Teatro si trova la monumentale Porta Nuova costruita per un migliore accesso dal centro abitato verso la parte di costruzione più recente della città e viceversa. Prima di imboccarla per rientrare nel nucleo storico antico si può visitare la vicina chiesa dei Domenicani e, poco distante, il Tempietto bizantino di San Lorenzo. La Città di Mesagne è inoltre meta ideale per quanti sono alla ricerca di sapori antichi. Nel centro storico, infatti, aprono le loro porte ai turisti trattorie e ristoranti che preparano piatti della tradizione contadina, vanto di una comunità che ha saputo credere nel futuro partendo dalla proprie radici.

INFORMAZIONI UTILI

GAL TERRA DEI MESSAPI
Via Albricci 3, 72023 Mesagne (BR)
Telefono 0831.734929
Fax 0831.735323

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Monte Cusna: il gigante buono del Parco

La Pista ciclabile dell’Adige: Trento – Rovereto – Borghetto

Passeggiata al Lago di Braies