Alla scoperta dell’Etna

18 marzo 2020 - 0:21

La partenza ha luogo con guida alpina e vulcanologica da quota 1.900 metri (versante sud dell’Etna, piazzale Funivia dell’Etna-Rifugio Sapienza), con essa si prosegue in direzione dei luoghi delle recenti eruzioni 2001 e 2002-03 con la possibilità, durante la salita, di osservare le cosidette “bocche a bottoniera” dell’eruzione 2001, gli antichi apparati eruttivi dei monti Calcarazzi e dei crateri Silvestri, per dirigersi alla volta di un belvedere da dove si può ammirare la suggestiva Valle del Bove, ampia ed estesa depressione, sede degli antichi centri eruttivi dell’Etna, quali in “Calanna”, il “Trifoglietto” e il “Mongibello Antico”, oggi non più ben visibili poiché ricoperti dalle recenti colate laviche.

L’itinerario prosegue con la discesa lungo la cresta della Schiena dell’Asino, con diverse soste per ammirare da più punti la Valle del Bove, oltre che antichi apparati eruttivi e uno splendido panorama della costa ionica, di Catania e di tutti i centri limitrofi ad essa.

Esiste la possibilità di pernottamenti in chalet e appartamenti in residence sull’Etna (versante sud) ad una quota di circa 1.700 metri, in prossimità dell’anello di sci di fondo (zona Piano Vetore-Serra la Nave) e a 2 km dalla funivia e piste di sci nordico. Sono alloggi completamente arredati e corredati di tutto ciò che necessita per trascorrere dei week-end o settimane in modo del tutto confortevole.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Toscana, Valdelsa: trekking da San Gimignano a Castelvecchio, tra natura e storia

Piemonte, trekking nel Monferrato: Borgomale tra i colori e sapori d’autunno

Trentino, Stelvio Val di Rabbi: trekking alla scalinata dei larici monumentali