Assisi: l’anello dei Mortari

20 maggio 2019 - 16:21

L’itinerario presenta una delle più complete visite al Monte di S. Francesco.

Dagli Stazzi, ai margini del grande pascolo sommitale del Monte Subasio, vicino a Colle San Rufino, uno dei più evidenti castellieri umbri, proseguendo in salita si lascia la strada asfaltata al primo tornante, e oltrepassata una sbarra si avanza per circa 300 metri costeggiando il bosco.

Si continua salendo sulla destra sul sentiero nr. 61 per il prato, si oltrepassa un inghiottitoio carsico e prima che il sentiero si interrompa sull’ampia strada sterrata che attraversa la sommità del monte, si prende sulla sinistra per raggiungere dapprima il Mortaro delle Trosce, poi sul sentiero nr. 50 le grandi doline del Mortaro Grande e del Mortaiolo, popolarmente ritenuti, anche in tempi non remoti, due crateri vulcanici. In epoche passate, i Mortari venivano utilizzati come riserva di ghiaccio, attraverso il deposito di neve pressata al proprio interno e poi coperta.

L’itinerario prosegue ancora sul sentiero nr. 50 fino a Fonte Bregno, poi verso destra costeggiando il bosco ci si dirige alla Croce di Sasso Piano, punto panoramico che coniuga alla visione della Valle Umbra e di parte della Val Tiberina una straordinaria ed inconsueta veduta dall’alto di Assisi. Da qui per lo stesso sentiero si raggiunge facilmente il rifugio di Vallonica e percorrendo la sterrata si torna al punto di partenza.

Testo e foto di Marco Fazion

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Monte Cusna: il gigante buono del Parco

La Pista ciclabile dell’Adige: Trento – Rovereto – Borghetto

Passeggiata al Lago di Braies