Diga di Morasco – Rifugio Città di Busto

18 marzo 2020 - 9:42

Lasciata l’auto nell’ampio parcheggio dopo la diga di Morasco seguire la sterrata che porta alla bellissima conca dell’alpe Bettelmatt (2112 m). Appena dietro le baite, ben segnalato, un sentiero si inerpica con stretti tornanti sul fianco della montagna fino a sbucare in un ampio pianoro chiamato Alpe dei Camosci. Pochi minuti di leggera ascesa e si raggiunge il rifugio Città di Busto. Dopo aver ammirato il panorama eccezionale, al momento del ritorno si possono scegliere due diversi itinerari: o seguire quello in salita, molto comodo e tranquillo, oppure percorrere quello più impervio che scende verso il rio del Sabbione. In questo secondo caso, in circa mezzora si raggiunge una piccola baita dove si incrocia il sentiero che conduce al lago del Sabbione; si volge a sinistra (sud) e seguendo il corso del rio che scende in una stretta gola si perviene nuovamente al parcheggio auto di Morasco.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Toscana, Valdelsa: trekking da San Gimignano a Castelvecchio, tra natura e storia

Piemonte, trekking nel Monferrato: Borgomale tra i colori e sapori d’autunno

Trentino, Stelvio Val di Rabbi: trekking alla scalinata dei larici monumentali